Nubifragio Oggionese: emergenza rientrata, strade riaperte

Il sindaco di Ello traccia un bilancio del violento maltempo della scorsa notte: "Sono stati cinque minuti di inferno"

Nubifragio Oggionese: emergenza rientrata, strade riaperte
Oggionese, 20 Agosto 2019 ore 17:20

“Sono stati cinque minuti d’inferno”: così il sindaco di Ello, Virginio Colombo, ha descritto il violento nubifragio che si è abbattuto sull’Oggionese nella scorsa notte.

Una notte di lavoro

E’ stata una notte di intenso lavoro per la protezione civile e i vigili del fuoco che hanno lavorato dalle due fino all’alba per rimuovere le piante cadute per tutto il territorio comunale di Ello. Insieme a loro anche il sindaco Colombo e il vicesindaco Gianluigi Valsecchi (nella foto davanti al mezzo dei pompieri). “La bufera è durata una manciata di minuti, ma è stata di una violenza pazzesca: il vento sembrava una turbina – ha detto Colombo –  Le zone più colpite sono stati due: in via Arnerio e in zona Malavoglia-Boggia. Era bloccata anche la strada per Dolzago, siamo stati praticamente isolati fino alla mattina”. Gli ultimi alberi che bloccavano via Arnerio e via Malvoglia sono stati rimossi nella mattinata e tutte le strade sono state riaperte regolarmente. “Fortunatamente non ci sono stati danni alle abitazioni o alle cose”, ha fatto sapere il primo cittadino.

Il nubifragio sull’Oggionese ha risparmiato case e auto

Nessun particolare danno ai tetti o alle vetture anche a Oggiono, altro Comune pesantemente colpito da vento e acqua. Anche in quel caso i soccorsi hanno cominciato a lavorare la notte, guidati dal vicesindaco Cesare Panzeri (il sindaco Chiara Narciso è in Ungheria per il gemellaggio). E le operazioni di pulizia stanno proseguendo per spazzare le strade dalle foglie che si sono riversate nelle strade.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia