Il messaggio del Prevosto di Lecco

Monsignor Davide Milani: "Auguro a tutti di essere un dono per gli altri"

"Il regalo più bello che possiamo farci e fare? Riscoprire che siamo una presenza preziosa per le persone amate e per chi incontriamo ogni giorno".

Monsignor Davide Milani: "Auguro a tutti  di essere un dono per gli altri"
Cronaca Lecco e dintorni, 25 Dicembre 2020 ore 08:03

Di monsignor Davide Milani, prevosto di Lecco

Quale dono aspetti da Gesù Bambino?».
«Quale regalo chiedi a Babbo Natale?».
Sono domande che da piccoli ci hanno posto migliaia di volte e che ci hanno educato a vivere il Natale come il momento in cui attendiamo un dono.
Poi, da grandi, abbiano imparato a fare anche noi i doni a Natale alle persone più care.
Proviamo a sovvertire le consuetudini in quest’anno che già ha sconvolto le nostre vite.
Per Natale non chiediamo un dono. E dalle persone care presentiamoci senza doni.
Se non vogliamo rischiare malintesi, chiediamo e regaliamo pure, ma con la certezza che i doni più importanti da domandare e offrire non saranno questi.
Quest’anno chiediamo a Gesù Bambino solo un regalo. Niente da comprare e consegnare, ma una cosa sola, che renda felici noi e gli altri contemporaneamente: domandiamo di comprendere quale regalo possiamo diventare noi per le persone care, per gli altri.
Ecco il regalo più bello che possiamo farci e fare: riscoprire che siamo una presenza preziosa per le persone amate e per chi incontriamo ogni giorno.
Spesso ci dimentichiamo di notare la gioia che portiamo con la nostra presenza, con i nostri gesti di dedizione e cura.
Abbiamo tante qualità in noi che possono trasformarsi in un grande regalo per gli altri, ma a volte preferiamo non metterci in gioco nascondendoci dietro un oggetto.
Nell’iniziativa «Scatole di Natale», nella grande disponibilità ad essere volontari per i pranzi delle feste offerti ai più bisognosi, in altre opere di solidarietà stiamo riscoprendo la voglia di essere ciascuno di noi un dono per gli altri.
Auguro a tutti di essere ogni giorno un dono così.
Basta chiederlo, non ci verrà negato.
Buon Natale, cari lettori del Giornale di Lecco.