L’Ospedale sfratta il sorvegliato speciale e lui si domicilia al parco di Pescarenico

Svolta nell'incredibile vicenda del pluripregiudicato che aveva "fatto casa" al pronto soccorso.

L’Ospedale sfratta il sorvegliato speciale e lui si domicilia al parco di Pescarenico
Lecco e dintorni, 25 Giugno 2018 ore 11:00

«Se torna in sala d’attesa chiamiamo i carabinieri» è stata la reazione della direzione dell’ospedale Manzoni di Lecco dopo il clamore provocato dalla notizia che un  sorvegliato speciale e pluripregiudicato aveva eletto il proprio domicilio nell’atrio del Pronto soccorso.

L’incredibile vicenda

Stiamo parlando di A.E., 39 anni, con diversi precedenti penali alle spalle. Come avevamo raccontato la scorsa settimana l’uomo, dopo essere uscito dal carcere, era finito per strada. Non sapendo dove andare aveva pensato bene di “trasferirsi” al Pronto soccorso del Manzoni.   Tanto che i  Carabinieri  Carabinieri doveveno andare proprio in ospedale  a verificare che il 39enne, in una determinata  fascia oraria, si trovasse regolarmente sulle sedie del nosocomio cittadino.

L’Ospedale sfratta il sorvegliato speciale

La notizia ha suscitato ovviamente scalpore. La direzione dell’ospedale ha “cacciato” di fatto l’ospete indesiderato che ora ha decsio di “domiciliarsi” sulle panchine di Pescarenico.

Tutti i particolari sul Giornale di Lecco in edicola da oggi, lunedì 25 giugno Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia