Menu
Cerca
News

Lombardia, riconosciuto il Distretto del Commercio “Tra Lago e Monti”

Il sindaco Antonio Rusconi: "Un progetto che si presenta stimolante e ricco di iniziative"

Lombardia, riconosciuto il Distretto del Commercio “Tra Lago e Monti”
Cronaca 19 Aprile 2020 ore 16:20

Regione Lombardia, con proprio decreto, ha riconosciuto l’istituzione del Distretto del Commercio “Tra Lago e Monti”.

Lombardia riconosce l’istituzione voluta e costituita da alcuni Comuni

Regione Lombardia, con proprio decreto, ha riconosciuto l’istituzione del Distretto diffuso del Commercio “Tra Lago e Monti”, fortemente voluto e costituito lo scorso mese di febbraio dai Comuni di Bellano (ente capofila), Casargo, Crandola Valsassina, Margno, Taceno, Parlasco, con l’avvallo di Confcommercio Lecco, quale associazione maggiormente rappresentativa delle imprese del commercio e del terziario.

Obiettivo: lo sviluppo economico del terziario

Il distretto è stato creato con lo scopo di poter accedere a bandi pubblici e a finanziamenti per sostenere i negozianti dei nostri paesi e le loro attività” – spiega il primo cittadino di Bellano Antonio Rusconi. “L’obiettivo principale consiste nello sviluppo del commercio in tutta la sua trasversalità interessando anche in modo approfondito ambiti quali il turismo, la mobilità, la sicurezza, l’offerta commerciale e la cura del territorio che si presenta variegato geograficamente ma che potrebbe esprimere un’univoca vocazione commerciale”.

“Un bel lavoro di squadra, in tempi ristretti”

“È stato fatto un bel lavoro di squadra in tempi, devo dire, molto ristretti – continua Antonio Rusconi – siamo partiti individuando le difficoltà proprie di ogni territorio per poi programmare degli obiettivi specifici di azione, con il faro dell’ottimizzazione delle risorse, avendo come obbiettivo finale quello di una crescita economica e turistica del territorio”.

Il post-emergenza

“Quando abbiamo dato il via a questo progetto eravamo in una fase storica diversa da quella attuale. Probabilmente ora, dovremo rivedere le priorità nelle azioni e nei tempi di realizzazione dei progetti, per poter andare incontro alle realtà economiche del territorio. Basti pensare alla consegna a domicilio, uno dei progetti inseriti nel programma che è diventato di estrema attualità” ha proseguito Rusconi.

“Dobbiamo tutelare l’economia del territorio”

“L’emergenza sanitaria ha messo in viva luce l’importanza strategica di avere un tessuto socioeconomico forte sul territorio, fatto di piccoli negozi che faticano ad andare avanti ma che si sono dimostrati una risorsa preziosa e che dovranno essere sostenuti anche nel post emergenza” – interviene Wilma Berera, vicesindaco di Casargo – Quando si potrà ripartire ci troveremo a dover affrontare un periodo difficile, e come amministratori abbiamo il dovere di tutelare l’economia del territorio e dovremo fornire degli impulsi specifici che possano portare ad una vera e propria rinascita economica”.

Un progetto ricco di iniziative

“Voglio ringraziare i sindaci dei 5 Comuni che hanno aderito a questo distretto, Wilma Berera, vicesindaco di Casargo, Walter Faggetti di Margno e Dino Pomi di Parlasco, oltre a Irene Alfaroli e Mattia Ferraroli di Bellano – chiude Rusconi – un bel team creatosi per una collaborazione fattiva nella realizzazione del progetto che si presenta stimolante e ricco di iniziative, che mi auguro potrà già dare buoni frutti più velocemente possibile”.