Legno – arredamento, scatta lo sciopero

Il comparto è un pilastro delle economie delle province della Brianza e di Como e Lecco. Complessivamente dà lavoro a quasi 25mila lavoratori dei quali 12-13 mila nella sola Brianza.

Legno – arredamento, scatta lo sciopero
Lecco e dintorni, 19 Febbraio 2020 ore 09:31

Legno – arredamento, scatta lo sciopero. I lavoratori e le lavoratrici del incroceranno le venerdì braccia 21 febbraio 2020. L’astensione dal lavoro è stata proclamata davFeneal Uil, Filca Cisl e Fille Cgil. La Cisl Monza Brianza Lecco annuncia che gli addetti della Brianza e del Lecchese convergeranno in due presidi che si terranno dalle 7,30 alle 8,30 davanti alla Cassina, in via Luigi Busnelli a Meda e davanti alla Boffi in via Guglielmo Oberdan 70 a Lentate sul Seveso.

Legno-arredamento, scatta lo sciopero

Dopo il presidio, i lavoratori e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali parteciperanno alla manifestazione che si terrà a Milano. Il trasferimento fino a Milano sarà effettuato in pullman. Il rientro è previsto per le ore 13,30 (partenza da Milano).

Il comparto è un pilastro delle economie delle province della Brianza e di Como e Lecco. Complessivamente dà lavoro a quasi 25mila lavoratori dei quali 12-13 mila nella sola Brianza.

«Con questo sciopero – spiega Roberto Scotti, segretario generale Filca Cisl Mbl – vogliamo dire no all’aumento della precarietà e alla riduzione dei diritti. Dopo l’abbandono del tavolo delle trattative da parte della Federlegno, noi vogliamo ribadire la necessita di un contratto nazionale che ridistribuisca risorse adeguate ai lavoratori e difenda la qualità del lavoro. Un contratto che garantisca un forte sistema di relazioni industriali».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia