Cronaca

Lecco: massacrato di botte dal branco per una story su Instagram

L'assurda vicenda è avvenuta ieri martedì 18 febbraio 2020 a Lecco e ora nove giovanissimi, quattro dei quali addirittura minorenni, tutti residenti in città, dovranno rispondere delle accuse di lesioni personali aggravate e minacce in concorso, nonché per violazione di domicilio.

Lecco: massacrato di botte dal branco per una story su Instagram
Cronaca Lecco e dintorni, 19 Febbraio 2020 ore 16:39

Massacrato di botte dal branco per una story su Instagram. L'assurda vicenda è avvenuta ieri martedì 18 febbraio 2020 a Lecco e ora nove giovanissimi, quattro dei quali addirittura minorenni, tutti residenti in città, dovranno rispondere delle pesantissime accuse di lesioni personali aggravate e minacce in concorso, nonché per violazione di domicilio.

LEGGI ANCHE Lecco: annuncia il suicidio su Instagram. Gli agenti la salvano prima che si getti dal ponte

Lecco: massacrato di botte dal branco per una story su Instagram

Tutto è successo nella serata di ieri,  in via alla Chiesa a Lecco,  dove  la Squadra Volanti della Polizia di Stato è intervenuta  per la segnalazione di un’aggressione in atto ai danni di un ragazzo.  Il giovane ha raccontato ai poliziotti che poco prima si era  recato ad un appuntamento con un conoscente a Lecco di fronte al parco dell’Eremo per chiarire un problema che era sorto tra lui ed il fratello del suo conoscente in merito ad una pubblicazione sul social network “Instagram”. 

Se non togli la story su Instagram per te finisce male

Ad un certo punto la conversazione si è animata  ed il conoscente ha iniziato  a spintonare la vittima. Il giovane  ha cercato  di tranquillizzarlo minimizzando il problema. A quel punto è arrivato anche  il fratello del conoscente per chiarire la vicenda. Ma il nuovo arrivato, anzichè calmare le acque, ha gettato benzina sul fuoco con  un atteggiamento strafottente ed aggressivo .  “Se non togli la storia su Instagram per te finisce male” avrebbe addirittura detto alla vittima che si sarebbe limitata a rispondere che la storia su Instagram si sarebbe cancellata da sola di lì a poche ore e che non c’era motivo per continuare a litigare.

Le botte

La situazione, già tesa si è fatta poi incandescente quando alcuni amici del fratello del conoscente hanno iniziato a incitarlo a colpire la vittima, urlando e picchiando i pugni delle mani in segno di sfida nei suoi confronti. Improvvisamente il fratello del conoscente ha sferrarto alla vittima un pugno al volto e lo ha scaraventato sul cofano di una macchina parcheggiata, bloccandolo. Il giovane allora ha cercato di liberarsi, ma improvvisamente il gruppo di amici gli si avventato contro facendolo cadere a terra, colpendolo con calci e pugni su tutto il corpo. 

La fuga a casa della nonna

Poco dopo il ragazzo è riuscito  a rialzarsi e a fuggire  in direzione della casa della nonna che ha raggiunto  dopo circa 300 metri di corsa disperata. La vittima ha riferito ai poliziotti che udiva le voci, le urla e gli insulti dei ragazzi che lo rincorrevano, ma era terrorizzato e non si è mai voltato indietro a guardare. Alcuni di loro sono riusciti a raggiungerlo colpendolo con calci e provando più volte a sgambettarlo per farlo cadere, bloccandolo nuovamente tenendogli le braccia. Divincolatosi il ragazzo è riuscito di nuovo a liberarsi ed a scavalcare il cancello della casa della nonna, lanciandosi nel giardino chiedendo aiuto urlando, inseguito da due ragazzi. In quel momento, richiamati dalle urla, si sono si sono affacciati alla finestra il cugino e la nonna della vittima che, capendo subito la situazione, hanno iniziato ad urlare  d chiedendo ai vicini di chiamare la Polizia. I due aggressori a quel punto hanno ri scavalcato il cancello e sono scappati.

Beccati i baby aggressori

Sul posto sono intervenute  tre volanti della Polizia di Stato che  hanno intercettato un gruppo di ragazzi nei giardini di via dell’Eremo, che  sono poi stati riconosciuti  come gli aggressori. I ragazzi, 9 in tutto, dei quali 4 maggiorenni e 5 minorenni, tutti italiani residenti a Lecco,  sono stati accompagnati in Questura e successivamente denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di lesioni personali aggravate e minacce in concorso, nonché per violazione di domicilio.

Il monito della Questura

La Polizia di Stato - Questura di Lecco ribadisce, in particolare ai giovani, un uso corretto e responsabile di internet e dei social network, al fine di prevenire situazioni e comportamenti come la vicenda appena descritta. Continueranno in futuro, su questa importante tematica, gli incontri di formazione nelle scuole a cura di personale specializzato della Polizia di Stato. 

 

Seguici sui nostri canali