Lecco-Bergamo il Comitato di Chiuso non si arrende. Oggi prima udienza in tribunale

Amaro sfogo del Comitato di residenti: "Mentre a Roma si discute Sagunto è espugnata...."

Lecco-Bergamo il Comitato di Chiuso non si arrende. Oggi prima udienza in tribunale
Valle San Martino, 23 Gennaio 2018 ore 09:52

Le sorti della Lecco-Bergamo, la strada soprannominata ormai la fabbrica del duomo del Lecchese, sono state oggetto di discussione ieri sera durante il Consiglio provinciale. Un Consiglio al quale hanno preso parte anche i membri del Comitato di Chiuso.

Lecco-Bergamo

“Abbiamo presenziato alla seduta del consiglio provinciale nella quale, tra i vari punti all’odg, prevedeva anche la discussione di una mozione del consigliere Simonetti riguardante il raggiungimento di un accordo tra maggioranza ed opposizione per unire le rispettive forze e competenze nei tentativi di sblocco della LC-BG” scrivono i componenti del gruppo dalla pagina Fb del comitato. “Tralasciando le varie fasi del dovuto “teatrino” tra le forze politiche che portano sempre ad un nulla di fatto perché ognuno deve recitare la sua parte, quello che mi preme rimarcare è che tutti ci tirano in ballo in quanto vittime della situazione ma nessuno viene a chiederci quali sono (oltre ai disagi ed al fattore estetico di riqualificazione dell’area di cantiere) i nostri problemi di residenti causati dal fermo cantiere”.

I disagi per i residenti

Proprio per questo i responsabili del gruppo hanno deciso di “rinfrescare la memoria”, o per meglio dire mettere in evidenza i disagi subiti dai residenti del rione a partire “dall’esigenza di eseguire lavori e manutenzioni alle abitazioni che andrebbero ad inficiare i testimoniali di stato datati ormai da sei anni, non è prevista nessuna procedura di aggiornamento degli stessi“. E ancora “Perdita del valore dell’immobile fino a quando i lavori non saranno conclusi (ricordo che il tutto era calibrato per una fine lavori nel 2018, a tutt’oggi forse solo il Padreterno è in grado dare un’altra data…), chi per vari motivi si trova in necessità di vendere si vede valutare l’immobile tra il 50 e il 60 per cento del valore reale”

“Mentre a Roma si discute Sagunto è espugnata”

Amaro quindi lo sfogo.”Assistendo alla seduta del consiglio viene da pensare che anche per noi vale il “mentre a Roma si discute Sagunto è espugnata….” di Tito Livio 2200 anni fa…..purtroppo la storia non insegna mai ed i c…i sono sempre di chi sta tra l’inclusione ed il martello”.

La mozione Simonetti

Come detto, la mozione del consigliere leghista Stefano Simonetti, che non ha trovato accoglimento riguardava in particolare il finanziamento dell’opera. Regione Lombardia ha infatti stanziato 9 milioni di euro, ma secondo Somonetti mancano altro fondi dallo Stato Centrale.

Oggi udienza in tribunale

Oggi intanto è andata in scena in tribunale a Milano la prima udienza che vede contrapposti Privincia di Lecco e l’azienda del gruppo Salini incaricata dei lavori della strada.  Il giudice dovrà esprimersi in merito alla richiesta avanzata da Villa Locatelli di sgomberare il cantiere. La prossima udienza, probabilmente decisiva, avrà luogo il 28 febbraio.

 

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia