Richiesta di intervento alle autorità

La denuncia di Rsu dell'Asst: "300 dipendenti infetti, non chiamatici eroi ma carne da macello"

La denuncia forte come un pugno allo stomaco

La denuncia di Rsu dell'Asst: "300 dipendenti infetti, non chiamatici eroi ma carne da macello"
Cronaca Lecco e dintorni, 27 Marzo 2020 ore 16:36

"300 dipendenti infetti, assenza grave di dispositivi di protezione, incapacità di prevenire il contagio nei vari presidi, incapacità di gestione del personale senza formazione adeguata, nessun piano di sicurezza pandemico, incapacità di applicare correttamente la rilevazione degli stati febbrili dei dipendenti. Non chiamateci eroi ma carne da macello". Queste le denunce, forti come un pugno nello stomaco  che arrivano dalla Rsu dell'Asst di Lecco. 

La denuncia di Rsu dell'Asst: "300 dipendenti infetti, non chiamatici eroi ma carne da macello."

Un quadro a tinte fosche quello dipinto dalla rappresentanza sindacale unitaria, soprattutto sul fronte dei contagi. Gli ultimi dati ufficiali, forniti dall'azienda sanitaria il 16 marzo scorso, parlavano di 119 membri del personale (medici, infermieri, oss) positivi al Coronavirus.

A distanza di meno di due settimane, secondo la Rsu,  il numero sarebbe quindi ben più che raddoppiato. Da qui la richiesta assunzioni di personale sanitario e  fornitura strumenti di protezione. Non solo ma la Rsu ha fatto appello alle alle autorità per "UN INTERVENTO IMMEDIATO e l’apertura del tavolo prefettizio con i SINDACI IL PRESIEDENTE DELLA PROVINCIA per decidere cosa fare da oggi in avanti il tempo è scaduto".

Le richieste che erano già state avanzate il 9 e il 16 marzo

La RSU dell’ASST Lecco, in questo momento di emergenza con un atteggiamento responsabile e costruttivo aveva già posto le seguenti richieste a tutela dei lavoratori:
una puntuale e costante informazione delle ordinanze Statali, Regionali e aziendali ai lavoratori sul rischio coronavirus;
l’aggiornamento con indicazioni dirette ai dipendenti sugli sviluppi per la gestione dell’emergenza lavorativa e sanitaria, usando ogni tipo di strumento disponibile presente in ASST di Lecco Bacheca del dipendente intranet, mail, comunicazioni scritte;
l’applicazione di linee guida e protocolli sui comportamenti di prevenzione per tutti i dipendenti a contatto con l’utenza e non, l’applicazione della sorveglianza a tutti i lavoratori attraverso la somministrazione delle opportune azioni sanitarie.
disposizione precise per tutti lavoratori che intervengono nelle aree più a rischio e non della ASST, aggiornate tempestivamente con verifica della loro diffusione.
dotare tutti lavoratori di adeguati dispositivi di protezione individuale al rischio coronavirus-covid-19; rileviamo carenza di ausili Dispositivi di protezione individuali.
l’obbligo di lasciare tutti i lavoratori dei settori amministrativi e tecnici in Smart Working.
Costatiamo dopo questa prima fase dell’emergenza una situazione estremamente preoccupante della diffusione del contagio tra i dipendenti, alcuni dei quali hanno già presentate le dimissioni senza preavviso. Abbiamo inoltre ritorni da operatori chiamati in servizio da graduatorie che, per terrore, rinunciano al posto di lavoro.
Chiediamo per l’ennesima volta Interventi urgenti che tutelino i lavoratori.
1) Tamponi per tutti i dipendenti in servizio per verificare quanto si sia diffuso il virus e prendere i relativi provvedimenti.
2) Interventi urgenti di sanificazione e isolamento dei pazienti,
3) Fornitura dei DPI.
4) Un intervento delle autorità preposte a tutela del personale e dei cittadini.
Consideriamo gravemente insufficienti le scelte sin qui operate dalla Direzione sia per quanto riguarda le risorse umane sia per l’approvvigionamento di dispositivi di protezione per la tutela degli operatori e la loro gestione, sia per le informazioni INCOMPLETE rilasciate agli organi di stampa..