Menu
Cerca
Giudiziaria

Investì e uccise un carabiniere, pena ridotta in appello

La sorella: "Mio fratello ha trascorso 22 anni della sua vita a servire lo Stato, ma per la legge italiana, evidentemente, la sua vita conta poco"

Investì e uccise un carabiniere, pena ridotta in appello
Cronaca Isola, 14 Aprile 2021 ore 09:48

Pena ridotta a 6 anni, 2 mesi e 20 giorni di reclusione per Matteo Colombi Manzi, cuoco di Sotto il Monte di 36 anni responsabile dell’incidente costato la vita il 17 giugno 2019 all’appuntato scelto dei Carabinieri Emanuele Anzini, travolto e ucciso mentre svolgeva il suo lavoro a Terno d’Isola.

Investì e uccise un carabiniere, pena ridotta in appello

Si è celebrata ieri mattina presso la prima sezione penale della Corte d’Appello di Brescia l’udienza in Camera di Consiglio:  la Corte ha accolto la richiesta di patteggiamento concordato in secondo grado e ridotto la pena a 5 anni e 4 mesi per omicidio colposo con guida in stato di ebbrezza più 10 mesi e 20 giorni per omissione di soccorso, in primo grado la pena era stata di 9 anni.

La madre, la sorella e la compagna convivente della vittima si sono affidati a Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in casi di omicidio stradale con sedi in tutta Italia.

La tragedia

Erano quasi le tre del 17 giugno 2019 quando, insieme ad un collega, Emanuele Anzini, carabiniere di stanza a Zogno, stava effettuando un posto di blocco sulla Sp166 a Terno d’Isola. Un’Audi A3, però, non si fermò all’alt intimato dal militare, investendolo in pieno e scaraventandolo a diverse decine di metri di distanza, per poi proseguire nella corsa senza fermarsi a soccorrere il ferito.

Immediati ma inutili i soccorsi del collega, di alcuni testimoni e del personale sanitario, con l’appuntato morto praticamente sul colpo a causa dei gravissimi traumi riportati.

Solo diversi minuti dopo l’investitore tornò sui suoi passi, venendo arrestato con l’accusa di omicidio stradale con l’aggravante dell’omissione di soccorso e della guida in stato di ebbrezza Matteo Colombi Manzi infatti, aveva un tasso alcolemico di quasi cinque volte superiore al consentito.

Le indagini del pubblico ministero Raffaella Latorraca, insieme  alle consulenze tecniche richieste per fare luce sulla dinamica del sinistro e alle testimonianze di chi si trovava nei pressi del posto di blocco, hanno chiarito quanto effettivamente successe in quei pochi drammatici istanti.

L’investitore, visibilmente ubriaco e distratto alla guida, non  vide  del carabiniere che gli intimava l’alt a centro strada, nonostante il tratto stradale fosse rettilineo e sufficientemente illuminato e nonostante Emanuele Anzini indossasse i dispositivi catarifrangenti in dotazione, elementi più che sufficienti ad evitare l’impatto. Inutile fu quindi un estremo tentativo di scarto quando ormai la velocità (anch’essa superiore al consentito) non permetteva più di evitare lo scontro mortale.

Un nuovo dolore che si aggiunge

“La notizia della riduzione di pena per noi non è altro che un nuovo dolore che si aggiunge a tutto quello che stiamo vivendo già da due anni. – Commenta delusa Catia Anzini, sorella della vittima – Considerando che sta scontando la pena a casa sua questo ulteriore “regalo” di tre anni non mi sembra affatto giusto. Mio fratello ha trascorso 22 anni della sua vita a servire lo Stato, ma per la legge italiana, evidentemente, la sua vita conta poco. Per noi familiari erano già pochi i 9 anni stabiliti in primo grado, anche se nessuna pena potrà mai restituirci Lele, ma adesso è come se ci stessero uccidendo nuovamente perché, come ho già chiarito, su quella strada quella notte di cadavere ce n’era uno solo, ma di persone uccise ce ne sono state molte di più”.