Guido Milani condannato per violenza sessuale: accolta la richiesta di revisione del processo

Ora Milani e il suo legale sono in attesa della nomina dell'organo giudicante e della data del processo. Intanto domani, a Lecco, verrà celebrata una nuova udienza del secondo procedimento penale a carico dell'oggionese. Milani, questa volta  deve rispondere di violenza sessuale (articolo 609 bis e ter del codice penale).

Guido Milani condannato per violenza sessuale: accolta la richiesta di revisione del processo
Oggionese, 10 Dicembre 2019 ore 17:58

Colpo scena nella vicenda processuale, anzi in una delle vicende processuali che vedono coinvolto Guido Milani, oggionese ex presidente di “Ragazzi e Cinema” condannato a 4 anni e mezzo di carcere per prostituzione minorile, violenza sessuale e cessione di stupefacenti. La Corte d’appello di Brescia infatti  si è pronunciata accogliendo l’istanza di revisione del processo. Istanza presentata dall’avvocato Renato Pulcini, subentrato come difensore di Milani dopo la condanna in primo grado 

LEGGI ANCHE Abusi sessuali su minori: Guido Milani in carcere

Guido Milani condannato per violenza sessuale: accolta la richiesta di revisione del processo

Le indagini sfociate  nel processo che ora sarà oggetto di revisione erano iniziate con la denuncia di un ragazzino.  Nell’inchiesta era stato coinvolto anche don Alberto Paolo Lesmo, ex parroco di Santa Marcellina e decano di Milano – Baggio. La giovane vittima che, all’epoca dei fatti, aveva tra i 15 e 17 anni (stiamo parlando del 2009 – 2010), aveva sostenuto di aver avuto rapporti sessuali a pagamento con entrambi. L’ex sacerdote è stato poi condannato a un anno e 10 mesi (la Procura aveva chiesto la condanna a tre anni e quattro mesi ma il giudice non aveva riconosciuto  l’aggravante dei rapporti sessuali a pagamento con un minore di 16 anni, perché, è probabile che il giovane avesse già più di quell’età quando ha iniziato a prostituirsi con don Lesmo).

Le perizie

LEGGI ANCHE Dalla parte di Guido Milani: “Non può essere colpevole, è vergine”

Ma la difesa, come detto, forte di alcune perizie che non erano state accolte in precedenza, che dimostrerebbero che Milani “è vergine e che per un problema fisico e non ha mai potuto e quindi non ha mai avuto rapporti sessuali in vita sua”, ha percorso la via della richiesta di revisione che ha trovato accoglimento.

 

Ma cosa è la revisione del processo?

La revisione del processo penale è uno strumento straordinario, di verifica, previsto dal nostro ordinamento, per far fronte a sentenze ingiuste passate in giudicato, ovvero quelle sentenze che hanno passato tutti e tre i gradi di giudizio e sono dunque concluse.

L’avvocato difensore di Guido Milani

“Sono soddisfatto dell’accoglimento della nostra istanza di revisione che dona una speranza al mio assistito che da 8 mesi si trova in carcere da innocente e nonostante la grande tensione emotiva e lo stress psicologico e fisico, ha un comportamento carcerario esemplare aspettando che finalmente i giudici possano avere il quadro completo della situazione e capire che egli  non ha mai commesso il reato per cui è stato condannato. Una grande opportunità che apre una visione a 360 gradi sul giudizio nei confronti di Guido partito monco a causa della mancanza in atti della prova principe della sua innocenza. Un risultato che apre una speranza per Guido, per la sua famiglia e per tutta la comunità di Ragazzi e Cinema che da mesi lo sostiene e lo aspetta a braccia aperte”.

Nuova udienza domani a Lecco

Ora Milani e il suo legale sono in attesa della nomina dell’organo giudicante e della data del processo. Intanto domani, a Lecco, verrà celebrata una nuova udienza del secondo procedimento penale a carico dell’oggionese. Milani, questa volta  deve rispondere di violenza sessuale (articolo 609 bis e ter del codice penale). Ad accusarlo alcuni giovani  residenti sia nel Lecchese che fuori provincia. Uno di loro, all’epoca dei fatti aveva solo 14 anni.

 

 

 

 

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia