Giorno della Memoria 2020: la videotestimonianza di chi ha vissuto l’orrore sulla propria pelle VIDEO

I rigurgiti di antisemitismo riportati dalle cronache sembrano dare ragione a questa tesi. I ricordi dei personaggi del documentario servono come monito perchè la Ragione possa smentirla.

Lecco e dintorni, 27 Gennaio 2020 ore 10:02

“Per i ricordi il tempo è come un velo: coprendoli ne addolcisce i contorni. Un velo attraverso le cui maglie a volte alcuni fatti, persone, sentimenti, sfuggono, svaniscono, si perdono. Le maglie si allargano, inesorabilmente, ma basta una occasione perchè il velo si squarci e si rivelino, alcuni ancora vividi, lucidi, fissi, altri più sfumati quelli che, tra i fatti, le persone, i sentimenti hanno segnato una vita e che dalle maglie, per quanto larghe, non possono sfuggire. Anche se lo si volesse.” E’ l’ incipit di presentazione del videodocumentario che l’Amministrazione  comunale di Olginate ha deciso di riproporre in visione, in una delle sale di Villa Sirtori per una intera settimana da oggi,  lunedì 27 gennaio 2020, Giorno della Memoria,  al 1 febbraio.

LEGGI ANCHE Addio a Gustavo Cagliani, “Falco Olginatese” e benefattore FOTO E VIDEO

Giorno della Memoria 2020: la video testimonianza di chi ha vissuto l’orrore sulla propria pelle

“Più che ad organizzare una cerimonia abbiamo pensato a questo evento per celebrare degnamente la “Giornata della Memoria”, ha affermato il Sindaco di Olginate Marco Passoni
Un gruppo di otto anziani del paese ha ripercorso con i propri ricordi la propria giovinezza, vissuta nel periodo fascista e segnata dalla guerra Li ha offerti a tutti , senza la pretesa di ricostruzione storica precisa e cronologicamente esatta ma come monito, a volte sconsolato davanti alla apparente mancanza di memoria della società attuale. “Però l’ abbiamo vista brutta; adesso non so come sarà se verrà un’ altra guerra: sarà più brutta ancora di questa”. Parole di una  ottantenne che ha capito, senza l’ aiuto di Hegel che “Ciò che l’esperienza e la storia insegnano è questo: che uomini e governi non hanno mai imparato nulla dalla storia, né mai agito in base a principi da essa edotti”.

I rigurgiti di antisemitismo riportati dalle cronache sembrano dare ragione a questa tesi. I ricordi dei personaggi del documentario servono come monito perchè la Ragione possa smentirla.

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve