Domani i funerali di Adelio Cogliati, paroliere dei grandi della musica italiana

Si terranno alle 10 nella chiesa parrocchiale di Arlate di Calco.

Domani i funerali di Adelio Cogliati, paroliere dei grandi della musica italiana
Meratese, 30 Dicembre 2018 ore 12:14

Si terranno domani, lunedì 31 dicembre, i funerali di Adelio Cogliati, il paroliere dei grandi della musica italiana stroncato da un infarto nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Verranno celebrati nella chiesa parrocchiale di Arlate di Calco alle 10.

Domani i funerali di Adelio Cogliati

Adelio Cogliati, detto Dedo, aveva 70 anni e risiedeva ad Arlate di Calco. Originario di Montevecchia, era molto conosciuto in tutto il territorio meratese e in particolare a Cernusco, dove da anni frequentava il Caffè del Centro. Per oltre quarant’anni era stato uno dei parolieri di punta della musica leggera nostrana, molto conosciuto però anche all’estero. Da adolescente aveva suonato la chitarra, militando poi in diverse band locali a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta. La sua carriera iniziò con nomi di spicco come I Camaleonti, Caterina Caselli e Miguel Bosé e con il passare degli anni fu anche paroliere di Gianni Morandi, Antonella Ruggiero, Anna Oxa (scrisse per lei il successo “Quando nasce un amore”), Giorgia (suo il testo di “Come saprei”, vincitore di Sanremo 1995) ed Eros Ramazzotti. E' probabile che molti personaggi legati al mondo della musica saranno presenti al funerale, che si terrà domani alle 10 ad Arlate di Calco.

Numerosi i ricordi commossi

Uno tra i primi a esprimere cordoglio per la morte di Cogliati è stato Eros Ramazzotti, legatissimo al grande paroliere brianzolo. "Sei stato fondamentale per me perché con te sono cresciuto umanamente" ha ricordato il cantautore romano, al quale si è associato anche il messaggio della cantante Giorgia.

Un commosso ricordo è stato espresso anche da Marco Cagliani, meratese, anche lui autore di testi per alcuni noti personaggi della musica italiana. "Se ne va un amico oltre che un grande autore, anzi uno dei migliori autori Italiani di questi ultimi 40 anni. Mi ricordo come fosse ora la prima volta che mi ricevesti a casa tua a Calco, io avevo 14 anni e scrivevo le mie prime canzoni. Da li, mi sono sempre chiesto il perché, hai preso a cuore la mia forte passione e da allora è sempre stato un sentirci, vederci. Mi hai bastonato tantissimo, ma hai anche avuto la pazienza e l'umiltà che era tua di natura, di farmi capire come scrivere senza avere paura di scendere a compromessi o logiche di mercato".