Cronaca
In Prefettura

Disordini alle Case Aler: summit del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

"Qui è casa mia e tu non sei nessuno": questo si è sentito dire solo pochi giorni fa il sindaco dal rapper Baby Gang che si trovava con 200 ragazzini sotto gli stabili di via De Vittorio

Disordini alle Case Aler: summit del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica
Cronaca Valle San Martino, 14 Giugno 2022 ore 15:27
“Le politiche di sicurezza non possono svilupparsi senza politiche sociali e queste ultime presuppongono la conoscenza delle persone”. Presieduta dal Prefetto di Lecco Sergio Pomponio, si è svolta nella mattinata di oggi, martedì 14 giugno 2022 una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, allargata alla partecipazione del Sindaco del Comune di Calolziocorte Marco Ghezzi e del presidente dell'Azienda Lombarda per l'Edilizia Residenziale Bergamo Lecco e Sondrio. Sul tavolo della discussione, il disagio vissuto dalle persone residenti nelle case Aler di via Di Vittorio a Calolziocorte, a causa di persistenti episodi di disturbo notturno della quiete pubblica e di danneggiamenti alle strutture comuni, che ingenerano insicurezza e sentimenti di paura negli abitanti.

Disordini alle Case Aler: summit del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

Bari pensare a quanto accaduto lo scorso 26 maggio: il sindaco Ghezzi, intervenuto in via Di Vittorio a seguito delle segnalazioni di alcuni residenti si è trovato faccia a faccia con il noto rapper di origini calolziesi, Baby Gang (al secolo Zaccaria Mouhib) che gli avrebbe detto: "Qui è casa mia e tu non sei nessuno".
Come già accaduto nei mesi precedenti, tra le 14 e le 18, un gruppo di circa 200 ragazzini si era  riunito all’interno del popolare quartiere calolziese per assistere ad una sorta di "concerto abusivo2 del rapper. Urla e schiamazzi si sono sprecati, dando vita ad un pomeriggio di disturbo per l’intera zona con i residenti che, esasperati e impauriti, hanno chiamato le forze dell’ordine e il primo cittadino. Per mezza giornata, il rapper e i suoi "scagnozzi" hanno tenuto in scacco Carabinieri e Polizia locale, giunti in massa per vigilare sulla sicurezza dei condomini.  Ed è solo l'ultimo di una serie di episodi.

Intensificazione dell’attività di prevenzione

Diversi gli interventi, messi in campo dall’Amministrazione comunale, per canalizzare positivamente le attività e il tempo libero dei giovani e occupare spazi di socialità che nel tempo sono stati riempiti da modelli di vita fuorvianti: dal potenziamento dei sistemi di videosorveglianza allo sviluppo di progettualità sociali.
Nella consapevolezza che le politiche sociali non perseguono né conseguono risultati immediati, ma esigono pazienza e resistenza, il Prefetto, dopo lo svolgimento degli interventi dei presenti, ha disposto un’intensificazione dell’attività di prevenzione, da parte delle Forze di polizia, che si svolgerà parallelamente allo sviluppo degli interventi sociali e di riqualificazione urbana ed ambientale.
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter