Menu
Cerca
Video aggiornmento

Coronavirus, il governatore Fontana: “No al panico” VIDEO

"Voglio tranquillizzare i cittadini: e' inutile la corsa ad accaparrarsi derrate alimentari, la distribuzione e' garantita e assicurata".

Cronaca Brianza, 24 Febbraio 2020 ore 12:56

“Bisogna tenera alta l’attenzione, ma dico ‘no’ al panico, servono solo realismo e concretezza. Sono convinto che i provvedimenti assunti ieri, che arrivano dopo consultazioni con esperti, scienziati e virologi per tentare di bloccare il contagio, siano sufficienti e corretti per raggiungere lo scopo”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. “Abbiamo notizie – ha aggiunto il governatore – di ‘intasamento’ al numero verde, cosi’ come si verificano criticita’ all’accesso del portale internet della Regione. Il tutto e’ causato, come potete immaginare, da un enorme e improvviso sovraffollamento. Chiedo ai cittadini che hanno bisogno di ‘informazioni’ sul Coronavirus di utilizzare il numero verde 800894545 e non il 112, onde evitare sovrapposizioni ad altre emergenze. Ribadisco che siamo al lavoro per cercare di superare il problema dell’intasamento della linea dedicata. Voglio tranquillizzare i cittadini: e’ inutile – ha concluso Fontana – la corsa ad accaparrarsi derrate alimentari, la distribuzione e’ garantita e assicurata”.

 

Coronavirus, nuovo decesso in Lombardia, i contagi arrivano a 219. Si tratta di un uomo di 88 anni di Caselle Landi, in provincia di Lodi. Salgono così a cinque i decessi in Italia, quattro di questi in Lombardia e uno in Veneto. In aumento anche il numero dei casi risultati positivi.

LEGGI ANCHE Coronavirus: pub aperto per 1 minuto. “Non chiuderemo dopo 2183 giorni consecutivi”

Nuovo decesso in Lombardia, 219 i casi positivi

A fare il punto della situazione sul contagio da Coronavirus dalla sede operativa del Dipartimento di Protezione Civile è il commissario Angelo Borrelli. I contagiati sono saliti a 219, mentre i deceduti sono saliti a cinque. L’ultimo decesso riguarda un 88enne di Caselle Landi, in provincia di Lodi. Un guarito.

La prima vittima del coronavirus è un 78enne residente in Veneto. Aveva già una forte polmonite ed è morto sabato. Il secondo decesso è invece quello di una 77enne, scomparsa nello stesso giorno, a Casalpusterlengo. La terza vittima è una donna di Crema, si tratta di una persona di 68 anni che era già ricoverata in reparto Oncologico a Cremona. E’ spirata domenica. In nottata è poi morto un 84enne a Bergamo (tratta di un anziano  residente a Villa di Serio. Oltre alla vittima, all’ospedale di Bergamo  sono altre tre le persone ricoverate residenti in provincia un 83enne di Bergamo, un 66enne di Nembro e un ulteriore caso accertato a Seriate) e una famiglia composta da tre persone originaria di Trento ma residente a Soresina, vicino Cremona, dove sono stati riscontrati alcuni casi. e questa mattina si è spento un 88enne di Caselle Landi. Anche loro si trovavano in già critiche condizioni di salute.

Il virus, come hanno ribadito più volte i medici e gli esperti, colpisce con più violenza gli anziani e le persone che presentano pregressi problemi di salute.

ssss

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli