Dramma

Coronavirus: in Brianza è morto un ragazzo di soli 32 anni

Alcuni mesi fa aveva contratto una infezione. A inizio marzo i malesseri dell'influenza.

Coronavirus: in Brianza è morto un ragazzo di soli 32 anni
Brianza, 18 Marzo 2020 ore 11:28

Coronavirus: in Brianza una delle vittime più giovani. Fabrizio aveva solo 32 anni.  Come riportano i colleghi di primamonza.it Dramma a Nova Milanese dove, a causa del Coronavirus, si è spento un ragazzo di soli 32 anni. Si chiamava Fabrizio Marchetti. Centinaia i messaggi di vicinanza alla famiglia.

LEGGI ANCHE Coronavirus: due vittime a Brivio. Troppe comunità in lutto nel Lecchese. Almeno 16 i morti

Coronavirus: in Brianza si è spento un ragazzo di soli 32 anni

centinaia i messaggi di vicinanza alla famiglia, conosciuta per aver gestito il bar «Pausa caffè» nel Parco Vertua. “Mio figlio, papà di tutti i ragazzini”, lo ha definito la mamma, Lidia Grieco.  La morte del giovane barista di Nova (per qualche anno aveva vissuto anche a Seregno), ha sconvolto tutta la città.

Alcuni mesi fa aveva contratto una infezione

Fabrizio aveva avuto dei problemi di salute alcuni mesi fa, di ritorno da un viaggio a Cuba: “Non è mai stata accertata la causa, ma ha cominciato ad avere dei dolori alla gamba, in seguito a un’infezione contratta durante il viaggio. Nel corso del tempo ha avuto altre problematiche, che l’hanno portato a perdere le difese immunitarie”.

Malesseri a inizio marzo

Era l’inizio di marzo quando Fabrizio Marchetti ha cominciato ad accusare dei malesseri riconducibili a una normale influenza. Ma la temperatura ha sfiorato i 39 gradi così, dopo aver sentito il medico di famiglia, i genitori hanno deciso di chiedere aiuto al numero verde predisposto per il Coronavirus. Nella notte tra giovedì 5 e venerdì 6 marzo l’ambulanza ha raggiunto l’abitazione e gli operatori hanno trasportato il giovane barista in ospedale. Venerdì, dopo un momento in cui sembrava che si fosse ripreso, il 32enne non ce l’ha fatta. «Il tampone è risultato positivo al Coronavirus – spiega la mamma – Non ho potuto vederlo, stargli vicino». Ora, lei e il marito, assieme alla figlia e al genero, sono in isolamento.
Il dramma nel dramma: «Tanti gli amici che avrebbero voluto abbracciare Fabrizio e dirgli addio. Non appena sarà possibile, lo saluteremo come merita».

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia