Menu
Cerca
Confindustria

Coronavirus, allarme liquidità alle imprese

"Noi imprenditori stiamo facendo la nostra parte per contenere le ripercussioni sul territorio, compatibilmente con le situazioni peculiari che variano da azienda ad azienda".

Coronavirus, allarme liquidità alle imprese
Cronaca Lecco e dintorni, 27 Marzo 2020 ore 16:48

In questo momento è cruciale per le aziende il tema della liquidità, necessaria alle imprese per restare vive, per poter rilanciare l’attività una volta che sarà stato superato il picco dell’emergenza e, non da ultimo, per continuare anche in questa fase a contribuire alla tenuta del territorio. “Inevitabilmente la frenata delle attività produttive e la situazione di crisi generalizzata portano problemi legati alla liquidità, con le conseguenti difficoltà per le imprese – evidenzia il Presidente di Confindustria Lecco e Sondrio, Lorenzo Riva –  Per evitare che questo fattore critico contribuisca a provocare danni irreversibili, è fondamentale che venga ampliata la portata delle misure messe in campo dal Governo e che tutti gli Istituti bancari attivino gli strumenti già previsti dal Decreto “Cura Italia”, di vitale importanza a sostegno della liquidità delle imprese e delle famiglie. In tal senso siamo stati rassicurati che dovrebbero essere resi operativi nel breve da tutte le diverse Banche che insistono nella nostra area”.

LEGGI ANCHE La denuncia di Rsu dell’Asst: “300 dipendenti infetti, non chiamatici eroi ma carne da macello”

Coronavirus, allarme liquidità alle imprese

“Noi imprenditori – continua il Presidente Riva – stiamo facendo la nostra parte per contenere le ripercussioni sul territorio, compatibilmente con le situazioni peculiari che variano da azienda ad azienda. Per molte imprese sarà ad esempio possibile, anche con grandi fatiche, anticipare ai lavoratori il trattamento di cassa integrazione, senza attendere l’approvazione da parte dell’INPS”.

La tenuta del sistema

“Confido poi che ci sarà anche un impegno nell’evitare che le difficoltà delle nostre imprese si trasferiscano alla catena della fornitura, onorando fino a che sarà fattibile gli impegni nei pagamenti – conclude Lorenzo Riva. Anche se lo sforzo che siamo chiamati a fare è certamente importante, sappiamo che è nostra responsabilità contribuire alla tenuta del sistema del quale siamo parte. Ce la faremo a superare tutto questo, ne sono convinto, ma dobbiamo restare uniti con senso di responsabilità”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli