Menu
Cerca
Regione Lombardia

Contributi per mutuo prima casa e e-learning: nel Lecchese 1500 domande

L'assessore alla Famiglia e Genitorialita' Silvia Piani preannuncia un nuovo stanziamento di oltre 6 milioni di euro

Contributi per mutuo prima casa e e-learning: nel Lecchese 1500 domande
Cronaca Lecco e dintorni, 12 Maggio 2020 ore 17:30

Si e’ chiuso ieri alle ore 12, il bando regionale relativo al ‘Pacchetto famiglia’, aperto lo scorso lunedi’ 4 maggio con una dotazione di 16,5 milioni di euro, per la richiesta di contributi connessi all’emergenza Covid-19, per mutui prima casa e strumenti e-learning per gli studenti tra i 6 e i 16 anni. Durante la settimana sono pervenute circa 45.000 domande.  Le domande finanziate con la cifra messa a disposizione sono 32.000. Il sistema, nonostante i rallentamenti della prima giornata in cui sono state comunque finalizzate in poche ore
oltre 7000 domande, ha funzionato e ha permesso di gestire le oltre 45.000 richieste pervenute, di cui dalla provincia di Lecco circa 1.500.

LEGGI ANCHE L’evoluzione dei contagi nella nostra provincia nelle ultime due settimane COMUNE PER COMUNE

Contributi per mutuo prima casa e e-learning: nel Lecchese 1500 domande

L’assessore alla Famiglia e Genitorialita’ Silvia Piani preannuncia un nuovo stanziamento di oltre 6 milioni di euro, portando cosi’ la dotazione complessiva della misura a oltre 22 milioni di euro che garantiranno il finanziamento di tutte le domande che rispettano i requisiti.

“Un pacchetto coraggioso e concreto – ha ribadito l’assessore Silvia Piani – cosi’ come il ‘Piano Marshall’ approvato dalla Giunta per far ripartire l’economia lombarda e dare risposte concrete ad un territorio che ha bisogno di ricominciare piu’ forte di prima”.

“Speriamo che questi contributi diano un po’ di fiato alle famiglie stremate da mesi di chiusure e sospensioni di attivita’ lavorative. Oggi ci impegniamo a fare ancora di piu’ – ha detto ancora Piani – preannunciando il rifinanziamento della misura con ulteriori 6 milioni di euro per aiutare concretamente anche chi e’ rimasto fuori, in modo che nessuno resti indietro”.

“Il primo giorno di apertura del bando – ha concluso Piani – sono arrivate le solite critiche strumentali dei gruppi di opposizione, ma ancora una volta abbiamo dimostrato che Regione Lombardia e’ davvero accanto alle famiglie lombarde, pronta a rispondere in maniera concreta alle esigenze di tanti cittadini, con un contributo di circa 500 euro che andra’ ad oltre 45.000 famiglie”.