Cronaca
Il caso

Condotta antisindacale di Asst Lecco: rigettato il ricorso

Molto si era parlato di una “manina fantasma”....

Condotta antisindacale di Asst Lecco: rigettato il ricorso
Cronaca Lecco e dintorni, 10 Gennaio 2022 ore 18:53

Lo scorso mese di dicembre era emerso che Cgil Lecco aveva promosso un   un procedimento per condotta antisindacale, ex art. 28 dello Statuto dei Lavoratori, promosso  contro l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Lecco. La CGIL aveva infatti lamentato “..di avere subito condotte dell’ASST volte a pregiudicare il pieno esercizio della libertà ed attività sindacale nelle sue diverse manifestazioni”. Al ricorso si era successivamente associata anche la sigla sindacale USB P.I. Nella mattinata di oggi, lunedì 10 gennaio 2022, il Giudice del lavoro di Lecco ha depositato il provvedimento con cui ha integralmente rigettato il ricorso, ponendo fine, si auspica, alla stagione della conflittualità pretestuosa.

 

Condotta antisindacale di Asst Lecco: rigettato il ricorso

Secondo la narrazione delle parti ricorrenti, l’azienda avrebbe adottato nel corso degli ultimi due anni provvedimenti illegittimi (quali le delibere istitutive degli incarichi di funzione o il regolamento sui tempi di vestizione degli infermieri) in spregio all’istituto della contrattazione sindacale e in danno degli stessi dipendenti, che si sarebbero visti depauperare di fondi destinati a pagare straordinari e altre indennità.

LEGGI ANCHE Coronavirus: a Lecco quasi 300nuovi casi. Negli ospedali lombardi si sfiorano i 3mila pazienti Covid non gravi

Inoltre l’ASST era stata accusata da CGIL e USB di aver sottoscritto accordi illegittimi, con minoranze non adeguatamente rappresentative dei lavoratori (ossia CISL, UIL e Nursing Up), avvalendosi di (presunte) firme apocrife (molto si è parlato di una “manina fantasma” che avrebbe firmato l’accordo sindacale dello scorso 16.11.21) e di essere prossima, persino, a un (inesistente) dissesto finanziario.

 

Con un corposo e articolato decreto, il Tribunale di Lecco - ripercorrendo puntualmente due anni di trattative, di corrispondenza tra la delegazione trattante aziendale e le OOSS, di verbali di incontri sindacali e di tavoli tecnici - ha stabilito che “ [..] nessuna condotta antisindacale risulta essere stata perpetrata in nessuna delle “ [..] condotte dell’ASST oggetto delle doglianze attoree” e che non è mai stato “[..] in alcun modo leso il diritto di informazione, di consultazione e di partecipazione del Sindacato ricorrente” del quale, il Giudice, ha invece evidenziato i toni talvolta perentori ed “ [..] eloquenti, nel senso di escludere [..] qualsiasi possibilità di trattativa da parte della stessa organizzazione sindacale”. 

Paolo Favini, Direttore Generale ASST di Lecco

Sono particolarmente soddisfatto del decreto emanato oggi dal Giudice del Lavoro di Lecco che mette in luce il corretto operato della Direzione Strategica e della delegazione trattante. In questi due mesi ho preferito non commentare la vicenda, attendendo, in un fiducioso e rispettoso silenzio, l’esito del giudizio, certo che l’evidenza documentale dei fatti avrebbe reso giustizia all’azienda e sancito la validità degli accordi sindacali sottoscritti. In ogni caso il Giudice ha disposto l’affissione del provvedimento nella bacheca aziendale; dopo tante falsità, i dipendenti potranno leggere quale è stata la realtà dei fatti”.