Menu
Cerca
Rabbia contro ANAS

Code sulla Statale 36, non se ne può più, interviene la Provincia di Lecco

"Questo non è il genere di efficienza e di collaborazione che ci aspettiamo da un ente che si troverà, nel prossimo futuro, a dover gestire opere ben più rilevanti e importanti sul nostro territorio”.

Code sulla Statale 36, non se ne può più, interviene la Provincia di Lecco
Cronaca Lecco e dintorni, 22 Aprile 2021 ore 15:43

Quella di oggi, giovedì 22 aprile 2021, è stata una mattinata di code infernali sulla strada Statale 36 in particolare per gli automobilisti che dalla zona del Lago devono raggiungere Lecco.

Code sulla Statale 36, non se ne può più, interviene la Provincia di Lecco

Non un episodio isolato, bensì una problematica che si è oramai cronicizzata, incancrenita, mandando su tutte le furie centinaia di automobilisti. A causare i problemi è il cantiere  allestito da Anas che giù in passato aveva sollevato polemiche tanto che le istituzioni, Provincia in primis, avevano fatto pressione perchè la società rimodulasse i lavori e rimuovesse il  cantiere  nei fine settimana. Ora Villa Locatelli torna sulla vicenda.

“Fin dai primi giorni di allestimento del cantiere come Provincia avevamo evidenziato le criticità su quel tratto di strada molto trafficato, in particolare in prossimità dell’immissione della strada provinciale 72 sulla strada statale 36 in direzione sud - sottolinenano  il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli e il Consigliere provinciale delegato alla Viabilità Mattia Micheli -  Dopo un incontro in Prefettura da noi sollecitato, avevamo chiesto e ottenuto da Anas di smantellare il cantiere il venerdì pomeriggio e ripristinarlo il lunedì mattina dalle 10.00, una volta smaltito il traffico lavorativo del lunedì mattina. Inoltre ci eravamo raccomandati ad Anas di dare priorità ai lavori nel tratto in prossimità dell’immissione della Sp 72 sulla Ss 36, affinché si completassero nel più breve tempo possibile, così da ripristinare la doppia corsia sulla Ss 36 e non creare l’effetto imbuto sulla Sp 72".

Peccato che le cose non siano andate così...

"Così non è stato - confermano Usuelli e Micheli -  e quotidianamente gli automobilisti che percorrono la strada provinciale 72 per recarsi al lavoro devono sopportare pesanti disagi. Riteniamo necessario che i lavori svolti da Anas vengano completati quanto prima, auspicando che, considerata la particolarità dell’intersezione, venga individuata una modalità provvisoria che consenta di favorire l’immissione dalla Sp 72 sulla Ss 36, attualmente molto difficoltosa, riducendo anche la velocità dei veicoli in transito sull’arteria principale. Questo non è il genere di efficienza e di collaborazione che ci aspettiamo da un ente che si troverà, nel prossimo futuro, a dover gestire opere ben più rilevanti e importanti sul nostro territorio”.