Cedimento SP 177 a Torre De’ Busi: limitazioni al traffico

A partire da oggi transito a senso unico alternato regolato da impianto semaforico.

Cedimento SP 177 a Torre De’ Busi: limitazioni al traffico
Lecco e dintorni, 18 Gennaio 2018 ore 11:50

Cedimento Sp 177 a Torre de’ Busi. Lo smottamento era stato segnalato lo scorso 12 gennaio e riguarda la scarpata di valle, a lato della corsia stradale con direzione di marcia da Caprino Bergamasco a Calolziocorte. Ora, a seguito delle verifiche effettuate,  la Provincia di Lecco ha disposto in via cautelativa di attuare un restringimento della corsia con direzione di marcia da Caprino Bergamasco a Calolziocorte, per evitare un potenziale aggravio della situazione.

Il cedimento Sp 177 segnalato il 12 gennaio

A partire dalle 12 di quest’oggi, giovedì 18 gennaio, sino a successiva revoca, la  Provincia   ha disposto l’istituzione del transito a senso unico alternato regolato da impianto semaforico,  ma anche del limite di velocità massima consentita di 30 km/h e  del divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 44 tonnellate.

Nel frattempo si è anche provveduto a coprire l’area della frana con teli impermeabili, per evitare che le precipitazioni piovose erodano ulteriormente il terreno causandone l’ulteriore smottamento.

La strada sarà ceduta alla Provincia di Bergamo

“Il tratto di SP 177 interessato dal dissesto rientra in un più ampio tracciato di strade provinciali che a breve saranno cedute alla Provincia di Bergamo per effetto del recente passaggio di Provincia di appartenenza, da Lecco a Bergamo, del Comune di Torre de’ Busi – ha commentato il Consigliere provinciale delegato alla Viabilità Mauro Galbusera – Pertanto sarà mia premura prendere contatti con la Provincia di Bergamo per pianificare insieme la messa in pristino delle condizioni di stabilità della scarpata, per la quale sono necessarie considerevoli risorse economiche”.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia