Bere acqua fa bene alla salute, ma serve una corretta idratazione

Bevi solo quando hai sete? Oppure ti mantieni idratato tutto il giorno? I consigli della Farmacia Consonni di Monticello Brianza

Bere acqua fa bene alla salute, ma serve una corretta idratazione
Casatese, 10 Giugno 2019 ore 06:00

Bere acqua fa bene alla salute, certo. Ma serve una corretta idratazione. Bere è infatti un gesto semplice e naturale, talmente semplice da essere spesso sottovalutato. Eppure, soprattutto nella stagione calda, una corretta idratazione è alla base della salute del nostro corpo. Se ne parla tantissimo, tutti i medici e professionisti della salute la raccomandano.
Ma cosa si intende esattamente per idratazione? Idratarsi significa garantire al corpo la corretta quantità di acqua. Circa il 75% del nostro corpo è composto di acqua e molte funzioni fisiologiche dipendono da questo. Il trasporto delle sostanze nutrienti attraverso le membrane cellulari, la regolarizzazione della temperatura corporea, il mantenimento di integrità ed elasticità di cute e mucose, produzione di saliva e film lacrimale per gli occhi; inoltre è di fondamentale importanza per la funzione cardiovascolare (regolazione della pressione sanguigna), la digestione e la salute delle ossa.

Bere acqua fa bene alla salute

Il bilancio idrico-elettrolitico cambia continuamente. Perché l’acqua viene persa attraverso la respirazione, la sudorazione e le urine e pertanto viene reintrodotta attraverso i liquidi e gli alimenti. Conseguenze della disidratazione dipendono moltissimo dall’età. Il fabbisogno dei lattanti ad esempio è molto alto per le elevate perdite di liquidi (mediamente 800 ml die); nei ragazzi il fabbisogno è di 1,5 lt e dipende dalla dieta, dall’attività fisica e dalle condizioni ambientali; per gli adulti il suggerimento è di 2-2,5 lt al giorno; nelle donne in gravidanza e allattamento la quota va aumentata di circa 500 ml. Ricordiamo anche come la composizione corporea influisca sui livelli di idratazione: più è alta la quota di grasso meno acqua possiamo trattenere.

Meglio bere con frequenza e a piccoli sorsi

La temperatura esterna impatta sulla sudorazione e sulla omeostasi termica del corpo: d’estate è quindi fondamentale evitare la disidratazione bevendo poco ma di frequente a piccoli sorsi, fenomeno a cui sono più esposti bambini e anziani. Una diminuzione dell’acqua corporea pari al 10% del peso corporeo quando fa molto caldo espone al cosiddetto «colpo di calore» o ipertermia i cui sintomi sono principalmente cardiovascolari, talvolta anche gravi. La disidratazione può presentarsi in qualsiasi periodo dell’anno: tra i sintomi di disidratazione lieve ci sono: sonnolenza, affaticamento, pelle secca, mal di testa, capogiri; mentre tra i sintomi d disidratazione grave ricordiamo: sete estrema, irritabilità, confusione e allucinazioni. Cosa fare o non fare: attenzione ai volumi di acqua libera assunti e alla dieta (l’acqua è contenuta in frutta e verdure fresche, meglio se crude).

Solo l’acqua disseta veramente

Alcool e caffè aumentano la diuresi e quindi le perdite di acqua; evitare bibite zuccherine e i succhi (danno apparente senso di sollievo alla sete ma la metabolizzazione degli zuccheri in esse presenti richiede utilizzo di acqua e provoca quindi ancora più sete). Bere acqua, è l’unica cosa che disseta veramente, uno o due bicchieri di acqua ai pasti senza eccedere serve per diluire i succhi gastrici. Alcuni tra i sintomi da disidratazione sono identificati tra i sintomi vaghi e aspecifici MUS-Medically unexplained syntoms, elencati in un breve questionario a cui ci si può sottoporre durante l’analisi della composizione corporea (BIA-ACC) che tramite tecnica impedenzometria rileva il quantitativo di acqua contenuto nel nostro organismo. Presso la Farmacia Consonni di Monticello Brianza è possibile sottoporsi a questo esame veloce e non invasivo per individuare il nostro stato di salute anche dal punto di vista della corretta idratazione.

 

Informazione Pubblicitaria

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia