Nella notte

Belledo, prova a difendere tre ragazze, ma finisce in ospedale gelataio di 58 anni

Aggredito davanti agli occhi della moglie e della figlia, l'uomo ora si trova ricoverato al Manzoni di Lecco con una prognosi di 40 giorni.

Belledo, prova a difendere tre ragazze, ma finisce in ospedale gelataio di 58 anni
Lecco e dintorni, 30 Agosto 2020 ore 14:47

Nel rione di Belledo, la scorsa notte un gelataio di 58 anni è stato aggredito per aver cercato di difendere tre ragazze mentre venivano importunate da altre due coetanee.

Belledo, gelataio scende in strada per difendere tre ragazze

La scorsa notte tre ragazze si trovavano nel rione di Belledo per passare una serata tra amiche quando vedono avvicinarsi un altro gruppetto: due sorelle, una di 17 l’altra di 19 anni, e un ragazzo di 21. Iniziamo ad importunare e picchiare la più giovane del gruppo vittima di questo spiacevole avvenimento. Le ragazze iniziamo ad urlare e chiedere aiuto finché un gelataio di 58 anni, svegliato dai rumori, decide di scendere in strada per difendere le tre ragazze.

Aggredito di fronte a monte e figlia, finisce in ospedale

Sceso in strada in aiuto delle tre giovani vittime, il gelataio di 58 anni viene aggredito. Il gruppo, palesemente in preda al alcol e fumo, iniziamo a picchiare l’uomo. Il giovane di 21 lo tiene fermo mentre le due sorelle lo prendono a calci e pugni. Il tutto sotto gli occhi della moglie e della figlia, che hanno tentato invano di aiutarlo. Solo con l’arrivo della pattuglia, i tre scappano, lasciando a terra il pover uomo che ora di trova in ospedale, al Manzoni di Lecco, con una prognosi di 40 giorni.

Incastrati dalle telecamere di videosorveglianza

Non appena i tre teppisti hanno sentito il rumore della pattuglia in arrivo, sono scappati. La fuga, però, non è servita a niente perché la zona era videosorvegliata e una delle tre giovani vittime conosceva di vista una delle sorelle che hanno pestato l’uomo a sangue.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia