Arrestato per l’omicidio in Calabria: il lecchese non parla

Danilo Monti, in carcere a Monza, ha deciso di non rispondere alle domande durante l'interrogatorio.

Arrestato per l’omicidio in Calabria: il lecchese non parla
Lecco e dintorni, 28 Settembre 2018 ore 16:46

Danilo Monti, il 27enne lecchese arrestato per l’ omicidio di un macellaio, Francesco Rosso, avvenuto  in Calabria nel 2015, non parla e non fornisce nessuna spiegazione agli inquirenti.

LEGGI ANCHE Omicidio in Calabria: trovati i killer, uno è di Lecco FOTO E VIDEO

Omicidio: Monti non risponde durante l’interrogatorio

L’uomo, che è stato arrestato a Valmadrera lo scorso 21 settembre è stato interrogato nei giorni scorsi nella casa circondariale di Monza.  Monti si è avvalso della facoltà di non rispondere di fronte alle domande del  dal Gip del Tribunale di Monza, Cristina Di Censo. Il 27enne è assistito dagli avvocati Luigi Falcone e Giuseppe Bubbo. Stessa scelta per gli altri arrestati. Si tratta di  Gregorio Procopio di 56 anni, Antonio Procopio di 31 anni e Vincenzo Sculco di 30 anni tutti di Botricello, che si trovano in carcere a Catanzaro

Le indagini degli inquirenti

Antonio e Gregorio Procopio sarebbero stati inchiodati dal sistema di videosorveglianza mentre eseguivano sopralluoghi nei giorni immediatamente precedenti all’agguato mentre Vincenzo Sculco avrebbe fatto da cerniera di collegamento tra i due e il lecchese  Monti  anni, originario di Cerva ma residente a Valmadrera, e ritenuto dagli investigatori l’esecutore materiale dell’omicidio. Sculco, secondo la ricostruzione dei carabinieri che hanno condotto le indagini, avrebbe coordinato e veicolato lo scambio di informazioni in occasione di alcuni pedinamenti.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia