Prevenzione idrogeologica

Al via l’operazione Fiumi sicuri: i contributi della Provincia di Lecco

Operazioni previste nelle esercitazioni dei gruppi di Protezione civile. Da organizzare compatibilmente con la "zona rossa"

Al via l’operazione Fiumi sicuri: i contributi della Provincia di Lecco
Cronaca Lecco e dintorni, 24 Novembre 2020 ore 13:04

Fiumi sicuri: la Provincia di Lecco ha individuato le risorse per dare continuità all’iniziativa  cofinanziando progetti di prevenzione del dissesto idrogeologico presentati dagli enti partecipanti allo  bando diffuso nei mesi scorsi.

Il bando Fiumi sicuri

L’operazione Fiumi sicuri ripartirà dunque anche quest’anno, con mirati interventi presso i torrenti nell’ambito delle specifiche attività di esercitazione della Protezione civile.

Alcune centinaia di volontari di Protezione civile metteranno a disposizione il proprio tempo e le proprie competenze per liberare i torrenti da ramaglie e da ogni altro materiale depositatosi, con il vantaggio di rendere migliore il deflusso delle acque, anche in previsione delle future precipitazioni.

Queste periodiche esercitazioni, da tempo programmate e supportate economicamente dalla Provincia di Lecco, in accordo con i Comuni, le Comunità montane e le organizzazioni di volontariato, risultano importanti e necessarie, in conseguenza dei fenomeni meteorologici estremi sempre più frequenti.

I Comuni partecipanti

Questi i Comuni che hanno ottenuto il contributo provinciale, pari complessivamente a 20.000 euro, a copertura del 80% delle spese previste per gli enti: Ballabio, Ello, Bulciago, Premana, Mandello del Lario, Dolzago, Dervio, Brivio, Colle Brianza, Valvarrone, Cortenova, Rogeno, oltre alle due Comunità montane Lario orientale-Valle San Martino e Valsassina Valvarrone Val d’Esino e Riviera che hanno programmato diverse attività sul territorio di propria competenza.

Intesa con la Regione

L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’attuazione del protocollo d’intesa siglato tra Regione Lombardia e Province lombarde, volto alla prevenzione dei fenomeni di dissesto idrogeologico e del rischio idraulico, grazie alla preziosa risorsa del volontariato di Protezione civile.

L’attività, con finalità di esercitazione provinciale, permette ai volontari di affinare le tecniche addestrative, operando in sicurezza, per acquisire una ulteriore maggiore padronanza nell’utilizzo di attrezzature e mezzi di colonna mobile.

Fiumi sicuri anche in zona rossa

Alla luce dell’emergenza sanitaria in atto e in considerazione del fatto che la Lombardia è stata individuata allo stato attuale in “area rossa”, quindi nello scenario pandemico più a rischio, si è disposto che gli enti attuino i protocolli di controllo e sicurezza vigenti per la salute pubblica, programmando perciò l’attività quando la situazione epidemiologica lo permetterà.

“Un sentito ringraziamento ai Sindaci e ai numerosi volontari per la disponibilità e la pronta risposta che da sempre assicurano nell’ambito del sistema provinciale di Protezione civile, condividendo l’importanza della prevenzione a vantaggio di una sempre maggiore sicurezza del territorio e dei cittadini – commenta il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli – Nell’emergenza sanitaria in corso proprio i volontari di protezione civile hanno già dimostrato la loro sensibilità, operando in collaborazione e a supporto delle istituzioni con la massima competenza. Compatibilmente con gli aspetti legati all’emergenza Covid-19, verranno programmati, in continuità agli anni scorsi, gli interventi di prevenzione e manutenzione programmata del territorio, ripulendo fiumi e torrenti da rami e tronchi accumulati per evitare ulteriori inconvenienti e danni”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità