Comune in campo

A Lecco sostegno agli affitti con canone concordato con particolare attenzione ai giovani

Manzoni: "Quest’iniziativa rappresenta concretamente quelle politiche di sostegno volte a tutelare i diritti fondamentali dei cittadini, come la casa e il lavoro, e l’indipendenza dei più giovani, favorendo la loro possibilità di uscire di casa godendo di agevolazioni rispetto ai costi degli affitti"

A Lecco sostegno agli affitti con canone concordato con particolare attenzione ai giovani
Cronaca Lecco e dintorni, 06 Novembre 2020 ore 12:07

Sostegno al pagamento degli affitti, con particolare attenzione ai più giovani: questa è la misura che il Comune di Lecco, attraverso l’Agenzia Servizi Abitativi, mette in campo avviando l’iniziativa di Regione Lombardia per favorire la locazione a canone concordato nel mercato abitativo privato.

A Lecco sostegno agli affitti con canone concordato con particolare attenzione ai giovani

La misura sostiene la stipula di nuovi contratti a canone concordato o la rinegoziazione dei contratti di locazione a uso abitativo in essere in contratti di locazione a canone concordato. Si rivolge ai proprietari di immobili e agli inquilini che intendano stipulare e/o rinegoziare un contratto a canone concordato a uso abitativo sul territorio comunale. 280.000 euro è la cifra stanziata da Regione Lombardia e Comune di Lecco, di cui 80.000 destinati in via prioritaria all’adesione di giovani sotto i 35 anni.

LEGGI ANCHE Sostegno affitto per i pensionati lecchesi TUTTE LE INFOMAZIONI

L’assessore al welfare con delega alla Casa Emanuele Manzoni

“Consapevoli del difficile momento socio-economico nel quale ci troviamo, vogliamo sostenere gli inquilini, attraverso un contratto calmierato, e i proprietari, garantendo entrate certe – spiega l’assessore al welfare con delega alla Casa Emanuele Manzoni –. Quest’iniziativa rappresenta concretamente quelle politiche di sostegno volte a tutelare i diritti fondamentali dei cittadini, come la casa e il lavoro, e l’indipendenza dei più giovani, favorendo la loro possibilità di uscire di casa godendo di agevolazioni rispetto ai costi degli affitti.”

Come funziona e quali sono i requisiti

In caso di esito favorevole della domanda, il proprietario dell’alloggio beneficerà di un contributo pari a 5 mensilità per ogni anno, fino a un massimo di euro 2.000 all’anno, per complessivi euro 10.000 per l’intero periodo di durata contrattuale (3+2 anni). L’importo massimo del canone annuo non può comunque superare l’importo di euro 9.600, al netto delle spese condominiali. Tra i requisiti richiesti per poter accedere alla misura, troviamo l’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare dell’inquilino, che non deve superare i 30 mila euro.

Informazioni utili

 

I proprietari degli immobili a uso abitativo e gli inquilini possono ricevere informazioni e supporto alla presentazione della domanda congiunta presso l’Agenzia Servizi Abitativi contattando il numero 377 5469347 o scrivendo all’indirizzo mail agenzia.serviziabitativi@comune.lecco.it. Le domande potranno essere presentate entro e non oltre il 31 maggio 2021, o comunque fino a esaurimento fondi, di persona, previo appuntamento al numero 0341 481235, presso lo Sportello Punto Informativo e di Orientamento (via Sassi 18, piano terra), tramite mail ordinaria all’indirizzo servizio.famiglia@comune.lecco.it, tramite Pec all’indirizzo servizisociali.ambito@pec.comunedilecco.it. Per ulteriori informazioni circa l’iniziativa, i requisiti e i documenti necessari è possibile consultare l’avviso completo, disponibile sul sito internet del Comune di Lecco.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli