Menu
Cerca
Crisi Covid

2.400 euro indennità Covid per lavoratori stagionali e altri, INPS spiega chi li riceverà

Ecco le tipologie di lavoratori interessate e come presentare le domande

2.400 euro indennità Covid per lavoratori stagionali e altri, INPS spiega chi li riceverà
Cronaca Lecco e dintorni, 26 Marzo 2021 ore 21:29

L’INPS ha ha reso note le modalità con cui recepisce la disposizione del decreto Sostegni riguardo l’erogazione di indennità una tantum e onnicomprensive in favore di alcune categorie  fino al 31 dicembre 2021.

Indennità COVID

L’indennità una tantum di importo pari a 2.400 euro spetta alle ad alcune tipologie di lavoratori:

– stagionali e i lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
– stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
– intermittenti;
– autonomi occasionali;
– incaricati alle vendite a domicilio;
– a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
– dello spettacolo.

Tra i destinatari dell’indennità onnicomprensiva sono compresi i lavoratori in somministrazione presso aziende utilizzatrici appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali.

Lavoratori dello spettacolo

Il lavoratore dello spettacolo, per l’accesso alla relativa indennità onnicomprensiva, deve fare valere almeno trenta giornate di contributi e un reddito non superiore a 75.000 euro.

Presentazione delle domande

I soggetti già beneficiari delle precedenti misure di sostegno non devono presentare una nuova istanza. Gli altri, al fine di ricevere la prestazione di interesse, dovranno presentare domanda all’INPS, esclusivamente in via telematica, entro il 30 aprile 2021, utilizzando i consueti canali messi a disposizione per i cittadini e per gli Enti di Patronato nel sito internet dell’INPS.
Semplificazione NASpI

Per le indennità di disoccupazione NASpI concesse a decorrere dal 23 marzo 2021 e fino al 31 dicembre 2021 non trova applicazione il requisito delle trenta giornate di lavoro effettivo negli ultimi dodici mesi antecedenti alla cessazione del rapporto di lavoro

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli