Attualità
Rispetto, affetto, accoglienza

San Valentino, amore è... le risposte dei lecchesi

Oggi, lunedì 14 febbraio 2022, nel giorno degli innamorati per eccellenza abbiamo chiesto ai lecchesi di rispondere alla domanda più semplice e più complicata che si possa immaginare: cosa è l'amore?

Attualità Lecco e dintorni, 14 Febbraio 2022 ore 13:18

C'è chi condivide la vita, le gioie i dolori, i problemi, le sfide, le vittorie, ma anche e soprattutto al quotidianità da ben 55 anni, e chi magari per la prima volta sente battere il cuore all'impazzata ricevendo un mazzo di rose rosse. Per tutti San Valentino è un giorno da celebrare e ne sono assolutamente convinti i lecchesi.

LEGGI ANCHE Frasi auguri San Valentino 2022 e immagini da inviare con WhatsApp

San Valentino, amore è... le risposte dei lecchesi

Oggi, lunedì 14 febbraio 2022, nel giorno degli innamorati per eccellenza abbiamo chiesto loro di rispondere alla domanda più semplice e più complicata che si possa immaginare: cosa è l'amore?

 

La storia di San Valentino martire

Tutti in queste ore stanno festeggiando il giorno degli innamorati, San Valentino, ma pochi sanno le origini di questa tradizione e il perché il santo di Terni, vescovo e martire cristiano, sia considerato il patrono degli innamorati.. Nato a Interamna Nahars, oggi Terni, in una famiglia patrizia nel 176, fu convertito al cristianesimo e consacrato vescovo di Terni nel 197, a soli 21 anni. Invitato dall’imperatore Claudio II il Gotico a sospendere la celebrazione religiosa e ad abiurare la propria fede, rifiutò di farlo, tentando anzi di convertire l’imperatore al cristianesimo. Claudio II lo graziò dall’esecuzione capitale affidandolo a una nobile famiglia. Valentino venne arrestato una seconda volta sotto Aureliano, succeduto a Claudio II. L’impero proseguiva nelle sue persecuzioni contro i cristiani e, poiché la popolarità di Valentino stava crescendo, i soldati romani lo catturarono e lo portarono fuori città lungo la via Flaminia per flagellarlo, temendo che la popolazione potesse insorgere in sua difesa. Fu decapitato il 14 febbraio 273, a 97 anni, per mano del soldato romano Furius Placidus, agli ordini dell’imperatore Aureliano. Secondo alcune fonti Valentino sarebbe stato giustiziato perché aveva celebrato il matrimonio tra la cristiana Serapia e il legionario romano Sabino, che invece era pagano: la cerimonia avvenne in fretta, perché la giovane era malata; i due sposi morirono, insieme, proprio mentre Valentino li benediceva. A chiudere il cerchio della tragedia sarebbe poi intervenuto il martirio del celebrante (fonte Wikipedia).

Le origini della festa

Le origini della festa risalirebbero al IV secolo, e sarebbe stata istituita dalla chiesa cattolica per sostituire la festa pagana dei Lupercalia, riti lussuriosi a base di costumi discinti e feste sfrenate in onore del dio pagano della fertilità Luperco che si celebravano il 15 febbraio. Durante i Lupercalia addirittura le matrone si offrivano alle frustate dei giovani devoti al dio. Così nel 496 d.C. papa Gelasio I spostò i festeggiamenti, decisamente più morigerati e consoni alla morale cattolica, al 14 febbraio, rendendolo di fatto patrono degli innamorati.

Mario Stojanovic

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter