Attualità
Interrogazione del senatore Magni

Raffica di dimissioni al Manzoni e al Mandic: le vicende degli ospedali lecchesi arrivano in Senato

"Ciò che sta avvenendo nel territorio lecchese riguarda ahimè tutta la regione ed è figlio di scelte politiche precise e di una riforma, quella fatta da Fontana e Moratti che, equiparando sostanzialmente sanità pubblica e privata, ha creato le premesse per questa emorragia di personale."

Raffica di dimissioni al Manzoni e al Mandic: le vicende degli ospedali lecchesi arrivano in Senato
Lecco Aggiornamento:

Raffica di dimissioni al Manzoni e al Mandic: le vicende degli ospedali lecchesi arrivano in Senato attraverso una interrogazione parlamentare che è stata presentata dal Senatore Tino Magni anche dopo la petizione lanciata in favore dell'ospedale Meratese, che sfiora le 7mila firme e dell'annuncio del flash mob in programma sabato 14 ottobre 2023.

Raffica di dimissioni al Manzoni e al Mandic: le vicende degli ospedali lecchesi arrivano in Senato

"Ciò che sta avvenendo nel territorio lecchese riguarda ahimè tutta la regione ed è figlio di scelte politiche precise e di una riforma, quella fatta da Fontana e Moratti che, equiparando sostanzialmente sanità pubblica e privata, ha creato le premesse per questa emorragia di personale. – dichiara il senatore Tino Magni – in questo senso il silenzio sulle difficoltà che stanno vivendo gli ospedali di Merate e Lecco da parte di chi quella riforma l’ha votata e sostenuta è quantomeno sconcertante: cosa ne pensa il sottosegretario Piazza? Rimane sordo anche di fronte agli appelli di medici e infermieri che da soli stanno provando a garantire il diritto alla salute dei nostri concittadini?".

E' lo stesso Magni  a ricostruire, nella interrogazione, la situazione, a partire da quella del nosocomio meratese.

"L'Ospedale Leopoldo Mandic di Merate - presidio sanitario fondamentale per il territorio, facente parte dell’ASST di Lecco - ha registrato, negli ultimi anni, una riduzione di posti letto e attività in sala operatoria, situazione aggravatasi anche con l’emergenza e la gestione del Covid-19 che, ad esempio, ha portato, dopo le dimissioni del Primario, alla chiusura della Chirurgia pediatrica e del reparto di Psichiatria, ad una media di ricoverati molto bassa nel relativo reparto di cura. Il reparto di Ortopedia - il cui medico primario si è dimesso - e quello di Otorinolaringoiatria sono stati accorpati ai posti letto della degenza comune di Chirurgia e Ginecologia con la perdita di altri 27 posti letto. Il Pronto Soccorso funziona in gran parte con personale medico cd. “a gettone” (sono strutturati solo due medici a tempo pieno ed un  part-time). La mancanza di anestesisti ha ridotto di più del 50% le attività delle sale operatorie, allungando le liste di attesa. Ad esempio, è necessario oltre un anno di attesa per un intervento di protesi al ginocchio, mentre gli interventi di cataratta  - che, prima del Covid-19,  si attestavano su 50 circa al mese- ora sarebbero circa 5. La maternità è passata da oltre 1500 parti all'anno a meno di 500 negli ultimi tre anni, mettendo a rischio il punto nascite. È stata chiusa, per ragioni legate al Covid-19, una sezione di medicina generale pari a circa 35 posti letto che, nonostante la cessazione dell’emergenza pandemica, non è stata mai riaperta. Dal 2015 non è stato nominato un Direttore di Presidio, mancanza che determina un forte isolamento della struttura, e che fa ricadere sul personale tutte le azioni necessarie per garantire continuità e un servizio di qualità alla cittadinanza. Negli ultimi giorni, si sarebbero dimessi il gastroenterologo, il responsabile della struttura semplice, nonché la ginecologa, facente funzioni di primario. Situazioni simili si registrerebbero in molti ospedali del territorio regionale lombardo, tanto da far pensare ad un deficit di governance e di indirizzo politico, anche causati dalla recente riforma regionale L. 22/21 che, all’articolo 1, prevede “equivalenza e integrazione dell’offerta sanitaria e socio sanitaria delle strutture pubbliche e delle strutture private accreditate”.

Sotto la lente anche del senatore anche il presidio sanitario del capoluogo: "Anche l’ospedale Alessandro Manzoni di Lecco non versa in uno stato migliore, considerato che, da giugno, dal reparto oculistica, si sono dimessi quattro specialisti su cinque, tra cui l’ex primario. La direttrice facenti funzioni delle professioni sanitarie, pur non avendo abbandonato l’incarico, non accetta più altri incarichi dirigenziali. Inoltre, da giugno avrebbero avuto luogo più di un centinaio di dimissioni da parte del personale infermieristico"

A fronte di questa situazione l'esponente di Sinistra Italiana  nella sua interrogazione chiede

"se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza della grave situazione nella quale versa l’Asst Lecco e dei conseguenti disagi arrecati ai cittadini della zona che necessitano di cure;

 

se intenda assumere iniziative, e quali, per migliorare le condizioni di lavoro del personale sanita-rio e dei dirigenti dell’intera ASST, e se non ritenga, in particolare, di aumentare gli investimenti nelle strutture illustrate, evitando la dismissione delle stesse, in quanto fondamentali presidi sanitari per l’intera provincia;

 

se sia previsto un controllo sulla congruenza e la qualità di tutti i servizi esternalizzati al fine di erogare l’assistenza ospedaliera in modo appropriato e rispondente al diritto alla salute dei pazienti;

 

se non ritenga che la prassi dei professionisti cd. “a gettone” possa costituire la causa della scarsa qualità del servizio, nonché dell’abbandono di molti primari o responsabili di aree".

Seguici sui nostri canali