Attualità
Lecco-pescate

Quarto ponte, Lecco non arretra: “Due corsie, l'unica soluzione per agire alla radice dei problemi”

"Ma perché non approfittare dell'occasione per risolvere subito i problemi? Perchè non intervenire una sola volta sulla viabilità?"

Quarto ponte, Lecco non arretra: “Due corsie, l'unica soluzione per agire alla radice dei problemi”
Attualità Lecco e dintorni, 10 Ottobre 2022 ore 11:41

Si fa sempre più serrato il confronto sul destino del Quarto ponte. Il Comune di Lecco non arretra e insiste sulla necessità di affiancare al progetto della nuova corsia Pescate Lecco già approvata da Anas  una soluzione viabilistica utile anche al deflusso dei mezzi dalla città capoluogo. Non a caso la scorsa settimana l'Amministrazione e ha ribadito la necessità che il quarto ponte sia percorribile anche "in uscita" e per questo si è impegnata in analisi dei flussi di traffico per disegnare al meglio il nuovo sistema di svincoli e di rotatorie per la cui realizzazione Regione Lombardia ha stanziato 4 milioni di euro. "Abbiamo confezionato una proposta concreta con dati e strumenti alla mano che non modifica né tempi né costi previsti per il ponte ANAS e, rispettando l’identica struttura portante già approvata, lo renderebbe percorribile anche in uscita, smistando in maniera razionale e veloce le diverse destinazioni finali dei veicoli a seconda che siano diretti verso Sondrio, Valsassina, Bergamo, Milano o verso il centro cittadino" ha spiegato il sindaco Mauro Gattinoni e ora sulla vicenda interviene anche Matteo Ripamonti capogruppo di Fattore Lecco.

Quarto ponte, Lecco non arretra

Proprio Ripamonti infatti ribadisce l'importanza di avere due sensi di marcia per migliorare la viabilità nel suo complesso per uscire dalla logica del rimedio palliativo che non fa altro che spostare i problemi dalla riva destra alla riva sinistra dell'Adda.

“La dettagliata relazione presentata in commissione dimostra chiaramente, numeri alla mano, che Lecco e Pescate hanno bisogno di un quarto ponte nella sua completezza e non dimezzato – afferma Ripamonti - di una struttura che possa risolvere i problemi di Pescate senza riversarli nel capoluogo, il quale, per conformazione naturale e urbana, è già ingolfato di veicoli e dovrà farsi carico di rivoluzionare la viabilità nella già complicata area del Bione”.

Matteo Ripamonti

“Due corsie, l'unica soluzione per agire alla radice dei problemi”

Tre le ragioni che, secondo il capogruppo della lista civica che sostiene il sindaco Gattinoni, motivano con decisione la richiesta di prevedere una corsia in uscita da Lecco: “Anzitutto bisogna considerare la geografia lecchese che, oltre a regalarci splendidi paesaggi, ci impone forti limiti per soluzioni infrastrutturali. La città ha sole sei vie d'accesso e di fuga (3 ponti, lago, Valsassina e Lecco-Bergamo), strade che riversano in città una grande mole di traffico e che spesso, soprattutto nei pomeriggi domenicali, dimostrano tutta la loro inefficacia nel drenare questo traffico fuori dal capoluogo. Aggiungere una nuova via di solo ingresso aumenterebbe l'afflusso senza migliorare, anzi aggravando, la viabilità di deflusso”.

Il secondo motivo è di carattere viabilistico, ma anche di sicurezza. Costruire una nuova struttura per ambo le direzioni permetterebbe di rimuovere la pericolosissima corsia di immissione sul ponte Manzoni in direzione nord, subito dopo l'uscita dal traforo del Monte Barro, che è di frequente scenario di incidenti ed è all'origine delle lunghe attese e degli incolonnamenti lungo l'asse stradale che attraversa Pescate, Garlate e Olginate. Il nuovo ponte renderebbe obsoleto l'insidioso innesto comunque garantendo, tramite la rampa di viale Ticozzi, l'accesso alla Statale 36 e quindi alla dorsale lariana, alla Valtellina e alla Valsassina”.

"Perchè non intervenire una sola volta sulla viabilità?

“Infine – conclude il rappresentante di Fattore Lecco – c'è una questione di tempestività e congiuntura. Certamente potremmo lasciare le cose come stanno e rimandare ad un imprecisato futuro la realizzazione di un ulteriore ponte in uscita da Lecco, magari rischiando che non si faccia più. Ma perché non approfittare dell'occasione per risolvere subito i problemi? Perchè non intervenire una sola volta sulla viabilità? La struttura prevista e gli svincoli ipotizzati sul fronte lecchese possono accogliere i due sensi senza che questo sconvolga il progetto. Non ci sono ragioni per non prevedere sin da subito le due corsie”.

Seguici sui nostri canali