Attualità
Lecco

Piattaforma di Poste in tilt: lunghe code al Palataurus per la terza dose

"Ora il sistema è stato sbloccato e la situazione è stata risolta ma comprensibilmente si sono accumulati dei ritardi"

Piattaforma di Poste in tilt: lunghe code al Palataurus per la terza dose
Attualità Lecco e dintorni, 15 Novembre 2021 ore 17:30

Piattaforma di Poste in tilt: lunghe code al Palataurus di Lecco per la terza dose. La segnalazione ci è giunta direttamente da alcuni utenti che oggi, lunedì  15 novembre 2021 si sono recati nella struttura di viale Brodolini a Lecco (l'unica attiva nella nostra provincia)  per ricevere la terza dose di vaccino anti Covid e, contemporaneamente per sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale.

Piattaforma di Poste in tilt: lunghe code al Palataurus per la terza dose

"I tempi di attesa, rispetto alla prima e alla seconda dose sono stati decisamente superiori - ci hanno raccontato -   Indiscutibili la gentilezza e la disponibilità  del personale sanitario e di tutti i volontari, però i disagi sono stati innegabili anche perchè oggi le condizioni meteo non erano certo ottimali e le persone in fila diciamolo, non erano giovanissime".

Ricordiamo che ad oggi la terza dose (che può essere somministrata dopo almeno 6 mesi (180 giorni) dal completamento del ciclo vaccinale primario) è  "dedicata" esclusivamente  a cittadini con età maggiore di 60 anni, cittadini  con elevata fragilità, persone  trapiantate e immunocompromesse ed operatori sanitari e sociosanitari. Sono state inoltre aperte giovedì scorso, 11 novembre 2021, le prenotazioni anche per i maggiorenni  vaccinati con una unica dose di vaccino Janssen (ovvero il vaccino Johnson & Johnson ).

 

 

Abbiamo quindi chiesto informazioni dalla Asst di Lecco che  ha confermato che nella giornata di oggi sono state riscontrate delle criticità.

"Oggi l'afflusso dei vaccinandi è stato superiore alla media delle precedenti giornate - sottolineano dall'azienda socio sanitaria territoriale di Lecco - Ma la vera problematica è da imputare a un rallentamento della piattaforma informatica di Poste Italiane. Questo ha frenato  le operazioni. Ora il sistema è stato sbloccato e la situazione è stata risolta ma comprensibilmente si sono accumulati dei ritardi. Al momento (poco dopo le 17) ci sono un centinaio di persone in attesa".