Attualità
“Bando sport outdoor 2021”

Nuove aree sportive a Lecco: investimento da 220mila euro

Skyfitness sul lungolago e un’area playground cin un campo polivalente nel parco Pertini

Nuove aree sportive a Lecco: investimento da 220mila euro
Attualità Lecco e dintorni, 26 Novembre 2021 ore 07:54

Il Comune di Lecco è risultato vincitore del “Bando sport outdoor 2021”, promosso da Regione Lombardia, per un finanziamento totale di 220.000 euro con l’obiettivo di creare aree attrezzate per lo skyfitness e la realizzazione di un playground. Una prima risposta, questa, che l’Amministrazione comunale mette in campo alle richieste dei giovani della città.

Nuove aree sportive a Lecco: investimento da 220mila euro

Grazie a questo importante finanziamento, il primo intervento vedrà la realizzazione di due aree attrezzate sul lungolago di Lecco, una in zona Pescarenico in prossimità del parco “Addio Monti” e l’altra a Maggianico lungo la ciclopedonale sull’Adda nel tratto di via Don Ticozzi, per lo svolgimento di attività ludico-sportivo-ricreative. Le aree saranno dotate di due circuiti a corpo libero (uno da 6 macchine e uno da 8 macchine) coperte da Wi-Fi e dotate di QrCode con le indicazioni per gli esercizi, idonee anche per le persone con disabilità e dotate di due macchine per persone su carrozzina.

Sulla linea dedicata ai playground, il finanziamento di Regione Lombardia permetterà di realizzare un campo polivalente nel parco Pertini di Germanedo (in foto), in prossimità dell’Ospedale e dell’Informagiovani oltre che di alcuni Istituti scolastici; il campo sarà affiancato da percorsi urbani di parkour e skate. All’interno del Patto per una Comunità Educante, il Comune di Lecco ha sottoscritto un impegno con diverse Associazioni Sportive Dilettantistiche per la gestione dell’area.

L’Assessore ai Giovani e alla Famiglia Alessandra Durante

L’assenza di spazi per i giovani è il tema che emerge con maggiore forza dall’ascolto dei ragazzi della nostra città – spiega l’Assessore ai Giovani e alla Famiglia del Comune di Lecco Alessandra Durante –. La Comunità Educante è costituita anche da "spazi educanti", luoghi adeguati e attrezzati in cui i giovani possano trascorrere del tempo positivamente. In questa prima fase abbiamo dato priorità agli spazi per l'attività sportiva libera, accessibile in qualsiasi giorno e orario. Spazi pensati per i ragazzi e con i ragazzi, capaci di accogliere anche bambini, adulti e anziani, creando occasioni di condivisione e scambi intergenerazionali.”

L’Assessore all’Educazione e allo Sport del Comune di Lecco Emanuele Torri

Soprattutto dopo i duri mesi della pandemia, crediamo sia fondamentale investire in luoghi educanti adatti alla fascia giovanile ma anche ai più piccoli e alle persone con disabilità – aggiunge l’Assessore all’Educazione e allo Sport del Comune di Lecco Emanuele Torri –. L’Amministrazione comunale persegue così l’obiettivo di ricreare esperienze di socializzazione e di movimento in aree la cui riqualificazione porterà a una fruizione più sana, guidata e fortemente inclusiva. La realizzazione di spazi per lo sport outdoor va nella direzione dell'arricchimento dell'offerta sportiva della nostra città, con lo scopo di perseguire uno stile di vita più sano e un migliore benessere psico-fisico”.

L’Assessore ai Lavori pubblici di Lecco Maria Sacchi

Attenzione e cura della città che parte da interventi di manutenzione e riqualificazione e, dall’altro lato, che investe per nuove aree attrezzate in città – conclude l’Assessore ai Lavori pubblici e Cura della città del Comune di Lecco Maria Sacchi –. Se il playground s’inserisce in un quartiere molto popolato, in una logica di nuova aggregazione sociale, le due aree con attrezzatura sportiva saranno dislocate in due zone facilmente accessibili da cittadini e turistiinclusive per le persone con disabilità.”

Il raggiungimento dell'obiettivo è stato possibile grazie al lavoro di squadra degli uffici Lavori pubblici, Politiche giovanili e Sport del Comune di Lecco.

LEGGI ANCHE Tragedia sul Resegone: donna precipita per 70 metri e muore nel Canalone Comera