Attualità
ecosostenibilità

Nasce "Monticello Green Hill": la prima Comunità Energetica in Brianza

La sindaca Alessandra Hoffman: "Monticello Brianza vuol essere pioniere in questa iniziativa di aggregazione comunitaria di impianti rinnovabili e consumatori responsabili"

Nasce "Monticello Green Hill": la prima Comunità Energetica in Brianza
Attualità Brianza, 12 Dicembre 2021 ore 15:33

E' nata ieri "Monticello Green Hill", la prima comunità energetica in Brianza e la prima italiana in accordo al nuovo D.L. 199/2021.

Monticello Green Hill

Si è costituita ieri, sabato 11 Dicembre 2021 in forma associativa presso la Sala Civica del Comune di Monticello Brianza (LC) e sarà operativa da inizio 2022 "Monticello Green Hill", prima comunità energetica brianzola nata nello spirito della Direttiva europea per la generazione elettrica e la condivisione distribuita da fonti rinnovabili, e prima in Italia a costituirsi secondo quanto prescritto dal  nuovo D.L. 199/2021, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale Martedì 30 novembre 2021.

Adeguamento alla Direttiva Europea

Con il D.L. 199/2021 l’Italia ha infatti pienamente recepito la Direttiva Europea 2018/2001 (RED II), consentendo l’autoproduzione e distribuzione locale di energia da fonti rinnovabili in utenze di comunità locali alimentate dalla medesima cabina primaria della rete elettrica nazionale. Una prospettiva che apre opportunità inedite per le famiglie, le imprese, i condomìni e gli enti pubblici e privati attraverso la produzione di energia pulita non climalterante.

3 impianti fotovoltaici

La comunità energetica Monticello Green Hill (supportata tecnicamente dalla monzese Energy Saving Spa  - www.energysaving.it) parte con 10 utenze finali grazie alla generazione elettrica distribuita di 3 impianti fotovoltaici, realizzati a tetto su abitazioni private per una potenza complessiva di 10 kWp: essa ridurrà per i membri della comunità stessa gli approvvigionamenti dalla rete o, addirittura, in talune ore della giornata consentirà loro di diventare indipendenti, attraverso impianti da fonti rinnovabili integrati da misure di efficienza energetica, secondo lo spirito e lo schema della normativa da pochi giorni pubblicata.

Non più solo consumatori di energia

Tale schema infatti consente lo scambio (non soltanto gratuito, ma anzi remunerato per 20 anni) dell’energia autoprodotta tra utenti alimentati dalla medesima cabina elettrica di Alta Tensione. Anche a Monticello Brianza pertanto i soggetti protagonisti saranno sempre più i prosumer, ossia i produttori-consumatori, i quali beneficeranno di un sistema energetico che sempre più premierà chi condivide l’autoproduzione e l’autoconsumo da impianti a energia pulita.

Il progetto non si ferma qui

La Comunità Monticello Green Hill come già specificato è inizialmente costituita da 3 impianti fotovoltaici in parallelo alla rete e da dieci utenti privati che – pur non modificando alcunché sia tecnicamente sul contatore sia nel loro contratto di fornitura - godranno dell’opportunità  di essere remunerati per 20 anni con sulla base dell’energia elettrica rinnovabile che ora per ora verrà tra questi condivisa. Un gettito economico che in parte verrà destinato a iniziative di welfare territoriale, nello spirito “comunitario” che anima iniziative di questo tipo. L’obiettivo è crescere, ampliando la platea e coinvolgendo altri prosumer del Comune, puntando in particolare alla sinergia con le utenze pubbliche, le tre Parrocchie sul territorio comunale, gli esercizi commerciali, gli opifici industriali e, ovviamente, le famiglie monticellesi. La sindaca di Monticello Brianza Alessandra Hofmann, presente alla costituzione della Comunità, in prospettiva di un ingresso diretto del Comune nella compagine è stata esplicita nel merito:

Monticello Brianza vuol essere pioniere in questa iniziativa di aggregazione comunitaria di impianti rinnovabili e consumatori responsabili, il Comune stesso punta a dare il buon esempio con la messa in campo di nuovi impianti fotovoltaici, al fine di condividere nello spirito della nuova Legge i benefici energetici con tutta la cittadinanza”.

"Che Monticello Green Hill non sia solo uno slogan, ma un traguardo"

Quello della Comunità Energetica è uno schema operativo semplice, anche se mi rendo conto di come sia necessario spiegare agli utenti che non c’è alcun rischio tecnico e si mantiene la totale indipendenza nella fornitura, con l’opportunità di valorizzare al meglio l’aggregazione dei consumi sostenibili della comunità locale”, ha poi detto Renato Ornaghi della monzese Energy Saving, presidente e promotore della neonata Comunità Energetica. “L’auspicio è che a questa prima aggregazione, ancora lontana da un’ottimale economia di scala, ma utile per rodare subito il nuovo soggetto giuridico dal punto di vista burocratico e degli adempimenti di Legge, si aggreghino altri prosumer nel nostro Comune, per far crescere al meglio l’aggregazione e generare un sempre più alto gettito economico. Tale beneficio economico, come è previsto nello Statuto, verrà in parte destinato a iniziative di welfare territoriale nella realtà monticellese, con particolare attenzione nel favorire iniziative specifiche contro la povertà energetica. Con questa Comunità il pensare di rendere Monticello Brianza un Comune totalmente alimentato da energia rinnovabile non è un sogno, ma un obiettivo possibile, ancorché ambizioso e sfidante. Puntiamo a far sì che il nome della nostra Associazione - Monticello Green Hill – non sia solo uno slogan, ma un traguardo da conseguire: diventare una collina davvero “verde”, dato che sono intuibili gli impatti positivi per tutta la nostra comunità. Non solo di immagine, ma anche di potenziamento turistico, di appeal residenziale e – in sostanza, perché no? – di maggior valore nel tempo delle nostre abitazioni”.

L'obiettivo è produrre e distribuire più energia rinnovabile

Costituitasi volutamente in forma snella di Associazione senza scopo di lucro al fine di minimizzare gli oneri burocratici e i costi di gestione, la Comunità Energetica Monticello Green Hill punta quindi a crescere, con l’obiettivo di produrre e distribuire tra i membri della comunità sempre più energia rinnovabile. Auspicando che, finalmente pubblicato il tanto atteso nuovo Decreto per la cosiddetta “Fase Due” delle Comunità energetiche (col quale la potenza incentivata massima per singolo impianto passe dagli attuali 200 kW a 1.000 kW, con impianti di produzione e consumo tutti sotto la stessa cabina primaria AT/MT e non più soltanto la secondaria MT/BT), l’aggregazione tra i prosumer monticellesi diventi sempre più veloce ed efficace.

LEGGI ANCHE Temperature gelide a scuola: Bertacchi e Grassi in sciopero