Attualità
Lotta alle mafie

La staffetta della Legalità benedetta da Papa Francesco è giunta a Lecco: l'ulivo di Borsellino germoglierà in città

Emozionante ultima tappa del viaggio della margotta iniziato a Palermo

La staffetta della Legalità benedetta da Papa Francesco è giunta a Lecco: l'ulivo di Borsellino germoglierà in città
Attualità Lecco e dintorni, 30 Settembre 2022 ore 12:42

"Con questo ulivo mandiamo un messaggio di pace e giustizia anziché rabbia. Mio padre accertò radicamento delle mafie anche a Nord, e aveva ragione. Iniziativa Fai Cisl esempio di azione collettiva delle organizzazioni sane".  Le parole di Fiammetta Borsellino, figlia del giudice Paolo Borsellino, magistrato martire trucidato dalla Mafia e proprio simbolo insieme a Giovanni Falcone della lotta alla malavita, spiegano perfettamente il senso della Staffetta della Legalità, il viaggio ideale da Nord a Sud organizzato nel trentennale delle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio dalla Fai Cisl che ha avuto in Lecco la sua ultima tappa. Iggi, venerdì 30 settembre 2022,  infatti nella gremita palestra dell'Istituto Maria Ausiliatrice si è svolto l'ultimo appuntamento del "tour" iniziato a Palermo che ha condotto nella nostro capoluogo di provincia  un ramo dell'Ulivo di Borsellino che germoglierà in città.

La staffetta della Legalità benedetta da Papa Francesco è giunta a Lecco: l'ulivo di Borsellino germoglierà in città

In via D'Amelio, a Palermo, luogo dell'attentato dove perse la vita Paolo Borsellino insieme a cinque agenti della scorta, un anno dopo la strage venne piantato un ulivo proveniente dalla Terra Santa. Ancora oggi quell'albero è un simbolo importante della lotta alle mafie, ed è per questo che la Fai-Cisl  lo ha riprodotto con una potatura denominata “margotta”, lo ha accompagnato per tutto lo stivale e lo ha portato a Lecco per la piantumazione nel cortile della scuola.

Un simbolo ma allo stesso un segno tangibile e concreto della lotta per la legalità che è anche lotta per  la giustizia sociale, il lavoro dignitoso e sicuro. Non caaso la margotta ha viaggiato   con i furgoni della campagna Fai-Cisl "tutele in movimento", utilizzati per l'assistenza dei braccianti.

310349816_526842836114759_3087918675651578739_n
Foto 1 di 3
306992073_526841916114851_1285787540922141079_n
Foto 2 di 3
306275666_526842072781502_3603873199945808835_n
Foto 3 di 3

 

Emozionante la cerimonia a Lecco con centinaia di giovani coinvolti e colpiti dalle riflessioni degli organizzatori dell'iniziativa e della testimonial d'eccezione Fiammetta Borsellino. Presenti anche il sindaco di Lecco Mauro Gattinoni e il Prefetto Sergio Pomponio.

La partenza  da Palermo

La Staffetta della Legalità è partita il  26 settembre da Palermo. Presenti alla cerimonia di questaMons. Carmelo Vicari, Vicario Episcopale dell'Arcidiocesi di Palermo, la Vicesindaco del Comune di Palermo Carolina Varchi, Paolo Inglese Direttore Orto Botanico di Palermo Sebastiano Cappuccio Segretario Generale Cisl Sicilia, Ugo Duci Segretario Generale Cisl Lombardia Social, Adolfo Scotti Segretario Generale Fai Cisl Sicilia e molti dirigenti e operatori del sindacato in Sicilia.

"Questo viaggio nel trentennale dalle stragi di Capaci e via D'Amelio, vuole ricordare Falcone e Borsellino, in una battaglia di civiltà condivisa - ha sottolineato il Segretario Generale Onofrio Rota della Fai Cisl -  Questa iniziativa, che ci emoziona molto, incarna i nostri valori e rafforza le battaglie quotidiane contro lo sfruttamento nei campi, contro la concorrenza sleale, contro le agromafie".

308721634_5216048538521804_9140874561639515693_n
Foto 1 di 4
307493982_5216049865188338_8964391495469677593_n
Foto 2 di 4
306850845_5215090561950935_6967485930222806807_n
Foto 3 di 4
306698903_5215090435284281_3270605398252365877_n
Foto 4 di 4

La benedizione di Papa Francesco

La piantina  è giunta mercoledì a Roma dove ha ricevuto la benedizione di Papa Francesco. Il pontefice ha ricevuto una delegazione degli organizzatori di questo importante viaggio da sud a nord composta  da Marta Fiore e Chiara Corrao, figlia e nipote di Rita Borsellino, insieme a Vincenzo Conso Presidente della Fondazione Studi e Ricerche Fai Cisl e Claudio Risso Presidente di Terra Viva - Associazione Liberi Produttori Agricoli.

309700000_5220473578079300_98620673731590277_n
Foto 1 di 3
308629736_5220474391412552_3635963697920763487_n
Foto 2 di 3
308588398_5220475001412491_3405788516558319515_n
Foto 3 di 3

La tappa della Staffetta della Legalità  ieri a Milano

Ieri penultima tappa prima del gran finale di oggi a Lecco. A lanciare il messaggio forte è stato in questa occasione il Segretario della Cisl Giulio Romani: "Combattere le mafie vuol dire agire nell'interesse dei lavoratori che rappresentiamo, oggi anche sindacati europei in prima linea, ad esempio per estendere Legge La Torre su confisca dei beni".

milano
Foto 1 di 3
milano 3
Foto 2 di 3
milano 2
Foto 3 di 3
Seguici sui nostri canali