Obbligo vaccinale

Guardia medica torna sui suoi passi e si vaccina: reintegrata. A Lecco i sanitari "no vax" salgono a 204

Continuano le verifiche da parte di Ats Brianza nei confronti dei sanitari che, dopo aver ricevuto due lettere di "moral suasion", non hanno risposto

Guardia medica torna sui suoi passi e si vaccina: reintegrata. A Lecco i sanitari "no vax" salgono a 204
Attualità Lecco e dintorni, 01 Settembre 2021 ore 15:50

Guardia medica torna sui suoi passi e si vaccina: reintegrata da Ats Brianza. Dopo la bufera scoppiata la scorsa settimana con le prime sospensioni dei medici che non hanno ottemperato alla vaccinazione obbligatoria uno dei due professionisti "fermati" è potuto tornare al lavoro.

Guardia medica torna sui suoi passi e si vaccina: reintegrata

Stiamo parlando di S.H., 66 anni residente a Lecco,  operativo esclusivamente come "guardia medica". Al momento della sospensione non stava svolgendo attività ambulatoriale in nessun Comune della provincia (nel recente passato ha effettuato sostituzioni a Bellano, Esino e anche Ballabio) ma solo turni di continuità assistenziale che ora potrà tornare a coprire. Resta invece al momento "fuori dai giochi" il medico di base di Galbiate che non si è vaccinato.

LEGGI ANCHE

Nuovo provvedimento per un medico senza vaccino, sospeso ginecologo lecchese: "Faccio disobbedienza civile”

Medico senza vaccino sospeso, Ats: "I pazienti possono rivolgersi ai dottori della medicina di gruppo"

Medico di base non vaccinato sospeso: Odissea per 1000 pazienti senza dottore

A Lecco i sanitari "no vax" salgono a 204

Nel frattempo continuano le verifiche da parte di Ats Brianza nei confronti dei sanitari che, dopo aver ricevuto due lettere di "moral suasion", non hanno risposto sottolineando di  aver ottemperato all'obbligo vaccinale o giustificando la mancata vaccinazione.

Al momento gli operatori della sanità  residenti in provincia Lecco in questa condizione risultano 204 (605 in totale nel territorio di Ats) per loro è scattata la segnalazione all’ordine professionale al quale risultano iscritti e al datore di lavoro. Ricordiamo infatti che provvedimento del Governo prevede che sia l’Ordine a sospendere  l’iscritto mentre è compito del datore di  lavoro cambiare mansione al dipendente individuando un incarico (un luogo o ruolo)  non ritenuto a rischio contagio . Là dove questo non fosse possibile scatta quindi la sospensione senza retribuzione.