Attualità
Erve

Castagna protagonista in Valle San Martino

Vero e proprio tuffo nel passato nel suggestivo borgo di Nesolio

Castagna protagonista in Valle San Martino
Attualità Valle San Martino, 22 Novembre 2022 ore 10:56

Una giornata dedicata interamente alla castagna, tra tradizione e innovazione. Domenica 20 novembre 2022 l'antico nucleo storico di Nesolio a Erve sembrava il set di un film di altri temi tra attrezzi e antichi mestieri. Un tuffo nel passato quello compiuto con la castagna come protagonista. L’appuntamento è stato improntato sul procedimento di essiccazione e battitura delle castagne effettuato ancora con metodi tradizionali e tramandato da più generazioni. Grazie agli abitanti di Nesolio, questa attività a livello familiare, viene effettuata e mantenuta inalterata ogni anno.

Castagna protagonista in Valle San Martino

Per questo motivo la Pro Erve è l'Amministrazione Comunale con il patrocinio della Comunità Montana hanno voluto giustamente valorizzare gli sforzi di chi mantiene vive le nostre tradizioni.

Il nucleo storico di Nesolio con i suoi caratteristici vicoli e le sue costruzioni che risalgono al 1400, domenica ha visto la presenza di numerosi partecipanti all'evento (circa 250 persone) e durante la giornata non è mancato il momento culturale a cura dell'Associazione Castanicoltori del Lario Orientale con la visita guidata al castagneto, l’illustrazione delle diverse problematiche e del procedimento di essiccazione e battitura delle castagne essiccate.

WhatsApp Image 2022-11-22 at 10.28.12
Foto 1 di 3
WhatsApp Image 2022-11-22 at 10.28.10
Foto 2 di 3
WhatsApp Image 2022-11-22 at 10.27.58
Foto 3 di 3

“Questo procedimento, - spiega il sindaco Giancarlo Valsecchi - totalmente abbandonato nei territori delle nostre valli, a Nesolio in questo periodo si può ancora rivivere come una volta”.

La degustazione di polenta con formaggi e salame per tutti ha fatto poi da contorno ad una giornata trascorsa in allegria con musica ed in armonia con la natura. Dopo la dimostrazione della battitura delle castagne non potevano mancare nemmeno le caldarroste ed il vin brulé a chiusura di una manifestazione che, per un attimo, ha riportato indietro nel tempo centinaia di persone.
Ammirevole anche la presenza di due ragazzi giovani che lavoravano il legno e proprio a Nesolio hanno imparato la tecnica dal decano Piero Valsecchi e che, nel suo ricordo, continuano in questa tradizionale attività.

“Questo - conclude Valsecchi - fa ben sperare che anche nei giovani si mantengano vivi i valori delle generazioni passate. La Pro Erve, l'Amministrazione Comunale e tutti quelli che hanno
contribuito all'ottima riuscita della manifestazione, soddisfatti per la numerosa partecipazione, continueranno ad avere un occhio di riguardo per quegli eventi che valorizzano il nostro territorio”.

Luca de Cani

Seguici sui nostri canali