Attualità
Lecco

Al via la raccolta fondi per ristrutturare le porte della Parrocchia di Castello e dell'oratorio

Ecco come, dove e quando contribuire

Al via la raccolta fondi per ristrutturare le porte della Parrocchia di Castello e dell'oratorio
Attualità Lecco e dintorni, 14 Novembre 2021 ore 17:03

La parrocchia di Castello, con il patrocinio della delegazione FAI di Lecco, dà il via alla raccolta fondi per sostenere i lavori di ristrutturazione.

Parrocchia di Castello dà il via alla raccolta fondi

La parrocchia di Castello sopra Lecco dà ufficialmente il via, con il patrocinio della Delegazione FAI di Lecco, al progetto "La parrocchia 'riapre' la sua storia". Si tratta di una raccolta fondi per restaurare le antiche porte della chiesa parrocchia di Castello e della settecentesca Casa Arrigoni-Secchi (oggi oratorio). Di quest'ultima partirà a breve il restauro della facciata monumentale.
Per l'occasione è stato realizzato un volume (in corso di stampa) che racconta le vicende di Casa Arrigoni-Secchi dove si incrociano arte, storia, industria, tradizione benefica.
Il volume, originale idea regalo natalizio, verrà consegnato a fronte di una donazione libera a partire da 20 euro. Il libro sarà disponibile da fine novembre ma è già possibile prenotarlo visto anche il limitato numero di copie.
parrocchia-di-castello

Perché è importante ristrutturare

La chiesa parrocchiale di Castello sopra Lecco e la vicina facciata monumentale di Casa Arrigoni-Secchi (sede dell'oratorio), rilevanti non solo per la loro viva funzione pastorale ma anche per la storia della comunità, sono arricchite da preziosi portoni lignei che soffrono uno stato di degrado inaccettabile non solo per i parrocchiani ma per tutti gli amanti del bello. Basterà ricordare che il portone centrale della chiesa fa parte dell’intervento attuato tra il 1706 e il 1708 su disegno dell’ingegnere e architetto milanese Giovanni Ruggeri; nondimeno i due portoncini laterali appartengono alla riforma primosecentesca del sacro edificio firmata dal suo noto “collega" Francesco Richini. Quello di Casa Arrigoni-Secchi, risalente al primo Settecento, è addirittura chiuso e inutilizzato da decenni, ultimamente compromesso dall’instabilità del soprastante balconcino barocchetto. Tutta la facciata di Casa Arrigoni-Secchi è oggetto di un complesso restauro che trova completamento simbolico in quello dell'antico portone di ingresso.

Quanto costa l'intervento alla parrocchia di Castello?

Nella realtà i sogni hanno un prezzo. Il preventivo per il restauro delle sette porte esterne della chiesa parrocchiale e per il portone di Casa Arrigoni-Secchi è di 24.800 euro. Si tratta, quindi, di una somma importante, tuttavia la parrocchia ha partecipato al bando promosso dalla Fondazione Comunitaria del Lecchese, ente benefico che da oltre vent’anni sostiene progetti per il sociale e per la tutela artistica del territorio.  Il progetto presentato è stato intitolato “Riapriamo la storia della parrocchia" ed è risultato tra quelli scelti come meritevoli di contributo. La Fondazione sosterrà metà del costo preventivato. I restanti 12.400 euro devono essere raccolti dalla comunità di Castello

Lo scopo dell'iniziativa

Il primo obiettivo è quello di raccogliere 12.400 euro con offerte di parrocchiani e di chiunque voglia sostenere la rinascita di beni che oltre al valore artistico testimoniano il secolare impegno della comunità nella ricerca del “bello”, non solo spirituale.

Lo sforzo deve essere comunque quello di raccogliere una somma maggiore che servirà a sostenere il restauro dell’intera facciata monumentale di Casa Arrigoni-Secchi, sui cui costi informeremo a breve.

Come contribuire?

Le offerte sono ovviamente libere, secondo le possibilità e le intenzioni di ciascuno. Le donazioni saranno gratificate con un segno tangibile che, oltre a restare nel tempo, può essere un’idea regalo diversa dal solito per le prossime festività. Nasce così il volume Casa Arrigoni-Secchi a Castello sopra Lecco. Una polifonia di storia, arte, industria e tradizione benefica (Cattaneo Paolo Grafiche di Oggiono – 144 pagine – testi di Silvana Scaramelli, Eugenio Guglielmi, Francesco D'Alessio) che illustrerà i quasi cinque secoli di storia del luogo, approfondendone non solo gli aspetti meramente artistici ma anche quelli umani e quotidiani di chi lo ha vissuto. Il volume, stampato in edizione limitata numerata, verrà consegnato a fronte di una donazione minima di 20 euro.

Dove e quando

Il volume sarà disponibile da fine novembre presso: 

  • la Casa Parrocchiale (da lunedì a venerdì ore 10-12 e 16-18, il sabato 10-12); 
  • la sacrestia della chiesa di Castello dopo le ss. Messe festive; 
  • l’edicola Perri di fronte alle scuole elementari in piazza Giosuè Carducci a Castello (che ringraziamo per la preziosa adesione a questo progetto).

Visto il limitato numero di copie è comunque già possibile prenotare il volume scrivendo una mail all’indirizzo segreteria@parrocchiadicastello.it indicando nome, cognome, recapito telefonico, numero di copie prenotate. Sarete contattati per il ritiro dei volumi.

Come versare l'offerta per sostenere la parrocchia di Castello

L’offerta può essere corrisposta direttamente in contanti al momento del ritiro dei volumiIn alternativa può essere versata con bonifico bancario a: 

Fondazione Comunitaria del Lecchese Onlus (CF 92034550134)

Banca Intesa Sanpaolo Filiale accentr TERZO Settore - Milano 

IBAN: IT28 Z030 6909 6061 0000 0003 286 

CAUSALE: Donazione Bando 2021/2 - Progetto 3475 "La parrocchia 'riapre' la sua storia"

Per ricevere la ricevuta di pagamento valida ai fini fiscali è necessario inviare contestualmente al bonifico una mail con i propri dati (nome, cognome, codice fiscale, residenza) al seguente indirizzo: segreteria@fondazionelecco.org

All’atto del ritiro dei volumi basterà esibire la ricevuta del bonifico. 

LEGGI ANCHE Borgo di Pasturo, un progetto di rigenerazione in chiave turistica e culturale