Si parte mercoledì 7

Parole come pietre: settimana di azione contro fake news, discorsi d’odio e razzismo

Un’iniziativa promossa da Les Cultures Onlus in collaborazione con Telefono Donna, Renzo e Lucio, Il Grande Colibrì e Dinamo Culturale, con il contributo di UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali

Parole come pietre: settimana di azione contro fake news, discorsi d’odio e razzismo
Valle San Martino, 06 Ottobre 2020 ore 14:57

Parole come pietre: settimana di azione contro fake news, discorsi d’odio e razzismo. Les Cultures, Renzo e Lucio, Il grande colibrì, Telefono Donna Lecco, Dinamo Culturale, con la partecipazione di Circolo Spazio Condiviso, Qui Lecco, Libera, Open Arms e con il contributo di UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale, propongono un progetto che ha l’obiettivo di ontribuire alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di razzismo attraverso l’organizzazione di eventi pubblici di sensibilizzazione. Il primo appuntamento è domani, mercoledì 7 ottobre.

Parole come pietre: settimana di azione contro fake news, discorsi d’odio e razzismo

Due proiezioni – “Allah loves equality” di Wajahat Abbas Kazmi e “The milky way” di Luigi d’Alife – e un convegno dal titolo “Fake news, hate speech e discriminazioni”, con ospiti la caporedattrice di BUTAC – Bufale un tanto al chilo Noemi Urso e la giornalista e fondatrice di Factcheckers Gabriela Jacomella. Il mese di ottobre porta con sé tre appuntamenti targati Parole come pietre: settimana di azione contro fake news, discorsi d’odio e razzismo, progetto promosso da Les Cultures Onlus in collaborazione con Telefono Donna, Renzo e Lucio, Il Grande Colibrì e Dinamo Culturale e pensato proprio per creare occasioni di riflessione intorno a temi fondamentali del nostro presente, dall’hate speech alle fake news, passando per la discriminazione. Un’iniziativa pensata in occasione della XVI settimana di azione contro il razzismo, promossa per lo scorso marzo da UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, ma che a causa della pandemia è slittata al mese di ottobre.

Tre serate

Tre serate, quindi, tutte a ingresso libero e in programma alle 21, a partire dall’appuntamento fissato per mercoledì 7 ottobre al Circolo Spazio Condiviso di Calolziocorte. Protagonista, qui, il documentario del 2019 “Allah loves equality”, diretto dall’attivista pakistano naturalizzato italiano Wajahat Abbas Kazmi (coautore anche dell’omonimo libro scritto con Michele Benini). Un lavoro, questo, che parte da una domanda di fondo: si può essere insieme gay e musulmani? Per provare a rispondere ci si avvale, in questo documentario, della testimonianza di persone LGBTQ di un paese a maggioranza musulmana e dotato di una delle legislazioni più repressive in materia di omosessualità: il Pakistan.

Ci si sposta a Lecco, precisamente allo Spazio Teatro Invito, per la seconda proiezione del mese, fissata per martedì 13 ottobre. Si tratta della serata dedicata a “The milky way – Nessuno si salva da solo” di Luigi D’Alife, lavoro uscito quest’anno e che pone al centro la questione dei migranti che tentano quotidianamente di lasciare l’Italia per la Francia, passando, privi di attrezzature adeguate e nel cuore della notte, attraverso l’alta montagna. Siamo tra la Val di Susa e Valle della Clarée: tra piste da sci e turismo, questa manciata di chilometri in linea d’aria diventa interminabile se percorsa sulla neve. Di questo parla una parte degli abitanti delle valli che ha scelto di non voltarsi dall’altra parte e che racconta, ora, quanto quotidianamente accade lungo i sentieri delle montagne. L’evento è organizzato in collaborazione con Open Arms, Circolo Spazio Condiviso, Qui lecco Libera. Serata a ingresso libero: le donazioni raccolte sosterranno l’attività di salvataggio in mare di Open Arms.

E dopo tematiche fondamentali quali la discriminazione e le migrazioni, venerdì 16 ottobre ci si dà appuntamento nella Sala conferenze di Palazzo delle Paure di Lecco per un evento incentrato su un altro fenomeno della nostra contemporaneità: si tratta, come anticipato, del convegno dedicato a fake news e hate speech. Moderate dalla giornalista lecchese Katia Sala, Noemi Urso e Gabriela Jacomella porteranno un po’ della loro esperienza sul tema e dialogheranno nel tentativo di offrire strumenti per sapersi muovere correttamente tra le notizie in rete. Redattrice editoriale ed esperta di comunicazione, Noemi Urso tiene lezioni su fake news e alfabetizzazione digitale e, come detto, è caporedattrice di BUTAC – Bufale un tanto al chilo, uno dei siti più conosciuti e visitati nel panorama del debunking italiano. Un’occasione, la serata, per conoscere più da vicino un progetto che conta centinaia di migliaia di visite al mese e collaborazioni autorevoli con il mondo del giornalismo, della divulgazione scientifica e della medicina. Accanto a lei Gabriela Jacomella, giornalista e formatrice che nel 2016 ha fondato Factcheckers, la prima associazione a livello internazionale a occuparsi esclusivamente di educational fact-checking. Policy Leaders Fellow presso la School of Transnational Government dell’Istituto Universitario Europeo, Jacomella è anche parte del team del Centre for Media Pluralism and Media Freedom, sempre all’Istituto Europeo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia