Menu
Cerca
Gravi danni

Ondata di maltempo ottobre 2018: riaperti i termini per presentare domanda di contributo

Le domande devono essere presentate entro le ore 16.30 del 24 marzo 2020

Ondata di maltempo ottobre 2018: riaperti i termini per presentare domanda di contributo
Altro Lecco e dintorni, 28 Febbraio 2020 ore 11:41

Ondata di maltempo ottobre 2018: sono stati riaperti i termini per presentare domanda di contributo. Anche nel Lecchese erano stati tanti i  danni provocati da acqua e vento.

Ondata di maltempo ottobre 2018: guarda cosa era successo nel Lecchese

Nel Lecchese cresce a vista d’occhio il livello dell’Adda FOTO E DATI

Maltempo Lombardia: le criticità provincia per provincia

Maltempo a Lecco: rinviate le verifiche sul Ponte Kennedy

Peggiora la situazione meteo: il Comune  invita a non stazionare sui ponti FOTO

Maltempo: i fiumi fanno paura, ecco le situazioni dell’Adda e del Po FOTO E VIDEO

Maltempo, frana sulla provinciale a Vignola di Galbiate FOTO

Strada allagata: chiusa al traffico via de Gasperi a Calolzio

Riaperti i termini per presentare domanda di contributo dopo l’ondata di maltempo

La Regione Lombardia, con il decreto n. 1437 del 7 febbraio 2020, ha riaperto i termini per la presentazione di domande di contributo per i danni subiti dalla popolazione e dalle attività economiche e produttive interessate dagli eventi calamitosi verificatisi nel territorio regionale nel periodo 27-30 ottobre 2018.

Le domande devono essere presentate entro le ore 16.30 del 24 marzo 2020, accedendo alla piattaforma regionale Bandi online.
Per utilizzare la piattaforma regionale il richiedente, se non ancora registrato, deve seguire la procedura guidata di registrazione per l’assegnazione delle credenziali di accesso. La procedura di accreditamento può richiedere fino a 24 ore.


Chi può beneficiarne?

Possono partecipare tutti i soggetti che risultano in possesso dei requisiti previsti e che non hanno già presentato domanda di contributo nel 2019 (finestra 14 maggio – 13 giugno 2019), ai sensi del decreto del Commissario delegato n. 6367 dell’8 maggio 2019.

Cittadini
Sempre con riferimento agli eventi calamitosi del 27-30 ottobre 2018, possono presentare domanda di contributo i cittadini che:

  • hanno abitazione principale, continuativa e abituale nell’edificio danneggiato e che vantano un diritto di godimento (per il solo contributo di immediato sostegno alla popolazione – Allegato C)
  • sono proprietari di strutture adibite ad abitazione principale propria o di soggetto terzo vantante diritto di godimento (per il contributo per il ripristino delle strutture adibite ad abitazione – Allegato D)
  • sono amministratori di condomini danneggiati nelle parti comuni.

Per poter accedere al contributo per l’immediato sostegno alla popolazione secondo le modalità stabilite nell’Allegato C del decreto del Commissario delegato n. 1437 del 7 febbraio 2020 occorre aver presentato al proprio Comune la domanda di contributo di immediato sostegno alla popolazione – Modello B.

Imprese
Possono accedere al contributo I legali rappresentanti di micro, piccole e medie imprese, in possesso di tutti i seguenti requisiti:

    1. operanti in tutti i settori di attività economica e produttiva, ad esclusione delle imprese agricole
    2. con sede legale od operativa nei Comuni interessati dagli eventi calamitosi occorsi nel periodo compreso tra il 27 e il 30 ottobre 2018
    3. la cui attività, pur avendo subito danni ai beni destinati alle attività di impresa, non risulti cessata al momento della calamità, ovvero nel periodo compreso tra il 27 e il 30 ottobre 2018
    4. iscritti, al momento della presentazione della domanda, al Registro delle Imprese delle Camere di Commercio territorialmente competenti o all’Albo delle Società Cooperative.
  1. Condizione per poter accedere al contributo di immediata ripresa dell’attività economica secondo le modalità stabilite nell’Allegato A è aver presentato al proprio Comune la domanda di contributo per l’immediata ripresa delle attività economiche e produttive – Modello C.

Esclusioni

Sono esclusi dalla possibilità di presentare domanda i soggetti che nel 2019 hanno già compilato e trasmesso attraverso la piattaforma Bandi online domanda di contributo, indipendentemente dall’esito dell’istruttoria successivamente svolta dal Comune (contributi concessi/non concessi).

Non sono ammesse ai contributi le attività agricole.


Tipi di contributo

Sono previste quattro tipi di contributo, due per i cittadini e due per le attività economiche e produttive:

  • Contributi per i cittadini

– contributo per l’immediato sostegno alla popolazione secondo le modalità stabilite nell’Allegato C del decreto.
Condizione per accedere è aver presentato al proprio Comune la domanda di contributo di immediato sostegno alla popolazione – Modello B

– contributi per il ripristino delle strutture private adibite ad abitazione principale secondo le modalità di cui all’Allegato D del decreto n. 1437 del 2020.

  • Contributo per le attività economiche e produttive
  • – contributo per l’immediata ripresa dell’attività economica secondo le modalità stabilite nell’Allegato A del decreto.
    Condizione per accedere è aver presentato al proprio Comune la domanda di contributo per l’immediata ripresa delle attività economiche e produttive –
    Modello C- contributo per il ripristino delle strutture sedi di attività economiche e produttive secondo le modalità di cui all’Allegato B del decreto.

Non sono ammesse ai contributi le attività agricole.

 

Le istruttorie delle domande di contributo saranno svolte dai Comuni, a cui ci si può rivolgere in via prioritaria per chiarimenti sulla propria richiesta
(per il Comune di Lecco:  tel. 0341 481218 – protezione.civile@comune.lecco.it).

Prima di presentare la domanda è opportuno consultare gli allegati al Decreto, riguardanti le modalità per la gestione delle domande di contributo illustrate nei documenti qui sotto pubblicati.

Scheda informativa sul bando

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli