Menu
Cerca
Skyrace

Dopo la ResegUP anche il Giir di Mont alza bandiera bianca

Non si corre nemmeno la storica gara di Premana. "Giusto fermarsi anche per rispetto nei confronti di chi soffre"

Dopo la ResegUP anche il Giir di Mont alza bandiera bianca
Sport Valsassina, 09 Aprile 2020 ore 10:25

Dopo Dario e Willy  e ResegUp anche il Giir di Mont alza bandiera bianca.

LEGGI ANCHE Rapporto tra contagiati da Coronavirus e residenti nei Comuni lecchesi TUTTI I DATI

Dopo la ResegUP anche il Giir di Mont alza bandiera bianca

Attesa ma comunque dolorosa per gli appassionati di corsa in montagna. Dopo il Trofeo Dario & Willy e la ResegUp, anche il Giir di Mont alza bandiera. “Mancano più di tre mesi all’ultima domenica di luglio ed è impossibile prevedere la piega che prenderanno gli eventi. Ad oggi, sappiamo che fino al 31 Luglio 2020 vigerà lo stato di emergenza, proclamato il 31 gennaio 2020 dal Consiglio dei Ministri. Non sappiamo se la situazione cambierà nei mesi a venire, ma la posta in gioco è troppo alta: c’è di mezzo la salute di atleti, volontari, tifosi. Non è opportuno organizzare un evento che inevitabilmente porterà a contatti ravvicinati tra individui e che rischierebbe di vanificare gli sforzi di contenimento del virus che sono stati fatti finora.

Giusto fermarsi anche per rispetto di chi soffre

Il Comitato organizzatore del Giir di Mont, in comune accordo col Consiglio Direttivo dell’Associazione Sportiva Premana, ha dunque preso la decisione di annullare la gara prevista per il 26 luglio. “E’ giusto fermarsi, anche per rispetto verso tutti gli sponsor che ogni anno ci sostengono: in questa situazione non ce la sentiamo di chiedere un contributo economico per sostenere la nostra manifestazione, quando le priorità sono sicuramente altre. Chiaramente, un Giir di Mont senza l’essenziale sostegno dei nostri partner non può essere il grande evento che ogni anno riusciamo ad allestire. È giusto fermarsi, anche per rispetto verso le persone che stanno soffrendo a causa di questo nemico invisibile e per coloro che ogni giorno combattono in prima linea questa battaglia. Ci sarà tempo per correre, ci sarà tempo per festeggiare: adesso è il momento di fermarsi. Arrivederci al 2021.