Abs Sport vincente a Torino con Giancarlo Maroni

Agnelli-Guiotto secondi di classe nel Rally del Rubinetto

Abs Sport vincente a Torino con Giancarlo Maroni
18 Ottobre 2017 ore 14:25

Abs Sport Oggiono fa festa al Torino Motor Show

Abs Sport Oggiono sul gradino più alto

Successi e applausi per la Scuderia Abs Sport, protagonista di spicco su più fronti. Splendido successo di Giancarlo Maroni nel Formula Challenge Torino Motor Show, gara nazionale che ha visto la
partecipazione dei migliori specialisti a caccia dei punti per il titolo italiano. Il giovane valsassinese, in gara con il suo Proto – Suzuki, è stato impeccabile fin dalle prove, realizzando il miglior tempo nelle ufficiali e nelle manche di qualificazione. In finale ha poi completato la prestazione con una manche perfetta. “Sono felicissimo di questa vittoria a Torino – racconta Maroni – ci voleva anche per l’impegno profuso nel completare il nuovo Proto. I consigli di mio papà (Benvenuto è stato più volte campione italiano, ndr) si sono rivelati determinanti per cogliere il
successo. Ci tenevo soprattutto in prospettiva futura, perché contiamo di tornare a disputare il campionato italiano a tempo pieno”.

Piazza d’onore per Agnello e Guiotto

Nei rally c’è da segnalare il bel secondo posto nella classe N1 colto da Salvatore Agnello e Rita Guiotto con la Peugeot 106 Xsi nel Rally del Rubinetto, disputato nel novarese con sede centrale a San Maurizio d’Opaglio. “E’ stata una bella gara – afferma Agnello – ma impegnativa sia per noi che per la vettura. La nostra Peugeot 106 pativa qualche cavallo sulla prova del Mottarone, però alla fine siamo riusciti a cogliere un podio che per noi vale come un successo”.
A ridosso del podio l’olginatese Sergio Brambilla e Vincenzo Rota, quarti nella classe A5 con la lPeugeot 106. “Siamo contenti del nostro piazzamento – commenta Brambilla – considerando che
avevamo come avversari tutti equipaggi del territorio novarese. Sapevamo che era un bell’impegno e l’abbiamo affrontato con attenzione senza andare oltre le righe, alla fine la costanza ci ha premiato”.

Attesa per il Rally Trofeo Aci Como

Ora l’attenzione si sposta al Rally Trofeo Aci Como, in programma venerdì 20 e sabato 21 ottobre. Il rally lariano si dividerà in tre, con la prova centrale valida per il tricolore Wrc, quindi il rally Nazionale e affiancato anche il rally Storico. Sono ben 11 gli equipaggi al via complessivamente nelle tre gare. Nel rally tricolore troviamo il pilota di Eupilio Tommaso Paleari e Paolo Garavaglia con la Bmw Mini Cooper del team Elite Motorsport a caccia dei punti decisivi per il titolo nella classe R1T. Al via nella gara lunga anche il meronese Luca Sassi e Paolo Manghera con la Fiat Punto Super 1600 preparata dalla Elco Racing di
Ponte Lambro. A completare la partecipazione della Abs Sport nella gara tricolore il diesse Ivano Tagliabue e Matteo Sala con la Peugeot 106 preparata dal team Saldarini. Il gruppo più numeroso sarà invece al via del rally Nazionale, gara su una tappa in cui spicca il ritorno nella scuderia oggionese di Marco Silva e Gianni Pina. Il campione
canzese sarà in gara con la Citroen DS3 in versione R5 del team D-Max. Tra i partenti spiccano anche Paolo Milani e Sara Gilardoni con la Renault Clio Williams in versione A7 del team Vsport. In R2 sono iscritti il comasco Gianluigi Pittano e Cristina Caruso con la Citroen C2, mentre nella N3 Rocco Bertucci avrà di nuovo a fianco il presidente Beniamino Bianco sulla Reanult Clio Williams del team Hpe.  In gara anche Mattia Nava e Valerio Brunito sulla Citroen Saxo gruppo A6 del team Elco Racing, nella stessa classe il valmadrerese Cosimo Palmisano e Pietro Mazzoleni con la Peugeot 106. Nella classe A5 è invece al via una coppia inedita formata da Daniele Bisacca e dal valsassinese Walter Sanvito con la Peugeot 106. La partecipazione della scuderia oggionese è poi completata nel rally Storico da un equipaggio di spicco formato da Marco Paccagnella e Davide Bozzo con la Talbot Sunbeam 2200 del 1981.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia