13 settembre 2021

Gli auguri ai ragazzi (e ai genitori...) per il primo giorno di scuola

I messaggi degli amministratori del territorio

Gli auguri ai ragazzi (e ai genitori...) per il primo giorno di scuola
Scuola Lecco e dintorni, 13 Settembre 2021 ore 10:24

Auguri ai ragazzi (e ai genitori) per il primo giorno di scuola: a farlo sono stati tanti sindaci e amministratori del territorio che hanno indirizzato messaggi alle famiglie.

LEGGI ANCHE Primo giorno di scuola per 40mila studenti lecchesi: tutti sui banchi

Lecco

Buon anno agli studenti, dai più piccoli alla primissima campanella della loro vita ai più grandi all'ultimo anno di liceo, a chi riprende e a chi inizia un nuovo, entusiasmante cammino. Buon anno agli insegnanti e a tutto il personale scolastico, a quelli che ritrovano i propri alunni dopo un anno difficile e a quelli che ne accolgono di nuovi, consapevoli della grande responsabilità di educare e di accompagnare ciascuno.
Buon anno alle famiglie, che si affidano e si fidano di un percorso di crescita, anche per loro.
Perché la #scuola è il principale luogo di costruzione del futuro, il pilastro che regge un'intera comunità.

Il sindaco di Lecco Mauro Gattinoni

Primo giorno di scuola a Valmadrera

Cari bambini, cari ragazzi,

l’apertura di un nuovo anno scolastico è sempre densa di emozioni e ricca di aspettative e quest’anno lo è sicuramente di più, dopo le difficoltà degli scorsi anni tra riprese e soste a cui ci ha costretto l’emergenza Covid; una situazione che sicuramente ci ha cambiato e vi ha cambiato rendendovi più cresciuti, più maturi, più responsabili con molte cose da raccontare, esperienze da confrontare, idee e pensieri da condividere. Speriamo che questa estate, finalmente un po’ più libera, pur nella responsabilità e ancora con regole da rispettare e limiti di cui tutti abbiamo dovuto tener conto, sia la premessa per vivere finalmente insieme in classe per tutto l’anno scolastico. Anche noi, come amministratori comunali, abbiamo cercato durante l’estate di svolgere, con la Dirigenza Scolastica, tutti gli impegni che permettessero di ripartire adesso a settembre a “pieno ritmo” e grazie anche all’aumento di vaccinati, possiamo guardare al futuro con un po’ più di ottimismo. La scuola può essere davvero al centro e una priorità per la nostra comunità se ognuno di noi comprende il valore e rispetta il ruolo dell’altro. Pertanto, a nome della comunità di Valmadrera, il nostro grazie non formale a dirigente, docenti e personale scolastico, di cui conosciamo la competenza e la passione, ai genitori e alle famiglie, che rimangono il primo e fondamentale livello educativo, e soprattutto a voi, ragazze e ragazzi, perché possiate un giorno ricordare il tempo della scuola come un momento non solo di crescita conoscitiva e educativa, ma come una memoria gioiosa di amicizia e interessi. Abbiamo bisogno di collaborare tutti, INSIEME!

L’assessore all’Istruzione Raffaella Brioni e il sindaco di Valmadrera Antonio Rusconi

Ballabio

Con la giornata odierna prende il via un nuovo anno scolastico e, rivolgendoci agli alunni, alle famiglie, ai dirigenti, a tutti gli insegnanti ed al personale ausiliario e non docente per il consueto saluto, oggi come non mai, sentiamo il dovere e la soddisfazione di confermare che la Scuola ballabiese si presenta a questo appuntamento solida e ben strutturata, pronta ad intraprendere il proprio cammino in sicurezza ed efficienza. Gli importanti interventi logistici e organizzativi, eseguiti sin dagli anni scorsi, unitamente al necessario e costante interessamento presso l'autorità scolastica, fanno sì che gli alunni di Ballabio possano avvalersi di tutti i vantaggi della scuola in presenza scongiurando, per quanto umanamente possibile, situazioni di rischio sanitario. In tale contesto, dunque, desideriamo auspicare che anche l'anno scolastico 2021/2022 possa presentarsi come una fruttuosa esperienza in grado di dispensare, in coerenza con l'educazione ricevuta dalle famiglie, quel patrimonio di conoscenze e valori indispensabili alla crescita intellettuale e morale dei nostri giovanissimi cittadini. Per questo impegno di alto rilievo sociale, ringraziamo tutto il personale scolastico, ribadendo la piena disponibilità dell'amministrazione comunale nel sovvenire ai bisogni di una valida istruzione. A loro, unitamente agli alunni e alle loro famiglie, i migliori auguri di buon anno scolastico 2021/2022.

L’assessore all’Istruzione Alessandra Consonni e il sindaco di Ballabio  Giovanni Bruno Bussola

 

Bellano

“LETTERA AI GENITORI IN OCCASIONE DEL PRIMO GIORNO DI SCUOLA”< Cari mamma e papà, io oggi comincio la scuola primaria. Divento ufficialmente uno scolaro. So quanto voi ci teniate a me e alla mia istruzione. So che studiare è importante. Ma se possibile, vi consiglio di leggere queste piccole regole che ci permetteranno di capire che la scuola serve per la vita ma che non è tutta la nostra vita.

1. Io non sono i voti che prendo. E voi neppure. Quindi se qualche volta prendo benino (e non bene), se la maestra mi mette qualche visto, se addirittura arriva a casa l’invito a rifare qualcosa perché ho sbagliato tutto: calma e sangue freddo! Non è morto nessuno, domani il sole continuerà a sorgere nel cielo. E io ho diritto a fare qualche errore. Non controllate ossessivamente i miei voti, non chiedetemi sempre cosa ho preso nei compiti. Ve lo ripeto: io non sono i voti che prendo.

2. Non mi piace farvi la lista dei voti che hanno preso i miei compagni. Detesto quando mi chiedete chi ha preso più di me e chi ha preso le insufficienze. Voi avete un figlio: me. Sono unico e speciale e non mi piace essere messo in classifica prima o dopo questo o quel compagno, in base ai voti ottenuti. Se non capite bene perché, rileggete il punto 1.

3. Al mattino, se possibile, rallentiamo le corse. A volte mi sembra di essere il vostro portachiavi. Mi svegliate, mi alzate, mi vestite, mi colazionate, mi lavate i denti, mi buttate sulla macchina. E l’unica frase che riuscite a dire è: Corri che è tardi. Possiamo rallentare un po’? Altrimenti al mattino sono così stressato, che tra qualche settimana comincerò ad avere mal di pancia o qualche altro disturbo psicosomatico.

4. Collegato al punto 3: è bello svegliarsi al mattino con i volti dei tuoi genitori che sorridono. Con una bella canzoncina. Con una carezza sulla testa. Ma anche con la televisione spenta. Con i vostri cellulari ancora sconnessi. Così abbiamo il tempo di dirci buongiorno. Poi magari vi racconto che ho un po’ di “ansietta” perché a scuola non so bene che cosa mi aspetta. Allora voi mi guardate negli occhi e mi fate un sorriso. Poi magari papà mi dice anche una barzelletta. E mamma mi fa un massaggino sulla pancia. E io, non so dirvi perché, comincio subito a stare meglio. E l’ansia scompare. E mi viene da ridere. E ho voglia di uscire di casa insieme a voi.

5. Quando mi accompagnate a scuola ricordatevi che io non parto per la guerra. E voi neppure. Perciò, sul cancello di ingresso, basta un bacino e un saluto di buona giornata. Non serve che ci baciamo dieci volte, che ci abbracciamo venti volte. Che mi stringete la mano e poi la lasciate andare e poi la stringete di nuovo. Così come non serve che rimaniate lì sul cancello a vedere che salgo le scale che portano dal cortile all’ingresso dell’edificio. E non serve neppure che rimaniate lì fuori dal cancello ad aspettare che io salga la rampa delle scale, entri nella mia classe e poi corra ai vetri della finestra della mia classe per farvi un’ennesima serie di saluti. E’ vero: i primi 2 o 3 giorni può essere anche bello. Ma poi non serve più. E ve lo do per certo: nel passaggio dal piano terra al primo piano state sicuri che non mi succederà nulla. Perciò state sereni e andate al lavoro contenti. Quando suonerà la campanella di fine scuola state sicuri che ci ritroveremo all’uscita sorridenti. E saremo tutti sani e salvi. Mi sembra che sia tutto.

State tranquilli. La scuola mi farà bene. E farà tanto bene anche a voi. Crescere è bello”

Buon Anno Scolastico a tutti!

Clementina Leone Assessore all’Istruzione del Comune di Bellano.

La sua lettera aperta è stata ripresa anche dal sindaco Antonio Rusconi che ha commentato:

"Grazie Cleme per questo originale augurio di inizio anno scolastico e grazie per tutto l'impegno che hai messo in questi cinque anni nell'accrescere e migliorare i servizi dell'istruzione ai bambini e ragazzi di Bellano!

Primo giorno di scuola a Mandello

Nella speranza che sia un anno senza interruzioni e che possa essere strumento di crescita per bimbi, ragazzi, genitori ed insegnati: buona scuola a tutti!

Il sindaco Riccardo Fasoli