Lettere al giornale
Lettere al Giornale

"Classi pollaio all'asilo di San Giovanni, giova ai bambini essere in 24?"

Riceviamo e integralmente pubblichiamo la lettera di un papà

"Classi pollaio all'asilo di San Giovanni, giova ai bambini essere in 24?"
Lettere al giornale Lecco e dintorni, 04 Luglio 2022 ore 12:01

Riceviamo e integralmente pubblichiamo la lettera giunta in redazione e indirizzata al Comune di Lecco, all’Ufficio Scolastico Provinciale di Lecco all’Istituto Comprensivo Scolastico Lecco 2 e a CIGL, CISL ,UIL ,SNALS Lecco

"Classi pollaio all'asilo di San Giovanni, giova ai bambini essere in 24?"

Gentili Signore e Signori rappresentanti degli Organismi in indirizzo, Vi scrive il papà di una bimba di 5 anni che, per il terzo anno consecutivo, frequenterà la Scuola dell’Infanzia “Gli Aquiloni” di Lecco.

È giunta notizia che, probabilmente, con il prossimo anno scolastico, la scuola dell’infanzia Gli Aquiloni di San Giovanni (Istituto Comprensivo Lecco II) “perderà” una sezione passando da 4 a 3.

Non ho le competenze per valutare i risvolti occupazionali che ne deriveranno, ma certamente ce ne saranno.

Da genitore, però, non posso esimermi dall'evidenziare che la riduzione di una classe determinerà, CERTAMENTE, un decremento del servizio a favore dei bambini (già fortemente provati da questi due anni di pandemia). Se davvero ci saranno 73 iscritti (di cui 2 disabili), come si vocifera, solo 4 in meno di quest'anno (perché erano in 77), avremo 3 classi “pollaio” quasi al limite (massimo) dei parametri previsti dal Ministero dell’Istruzione.

Proprio dal sito web del MIUR, nella sezione “URP/Famiglie/Formazione classi”, fra l’altro, si legge che: “Le sezioni della scuola dell’infanzia sono costituite con un numero minimo di 18 e un massimo di 26 alunni, salvi i casi di presenza di alunni disabili. Eventuali iscritti in eccedenza dovranno essere ridistribuiti tra le diverse sezioni della stessa scuola, senza superare il numero di 29 alunni per sezione.”[1].

Se davvero ci saranno 73 iscritti, perché non confermare le 4 classi e distribuire i bambini 18 per ciascuna (ed una di 19)???

Giova ai bambini essere in 24?

Se ci saranno richieste di ulteriori immissioni, saranno costretti a rifiutarle!

Chiudere una sezione causerà una spirale negativa anche per il futuro!!!

Se manca il Dirigente scolastico dall’Istituto Comprensivo Lecco II da mesi/anni, devono subirne le conseguenze i bambini?

I bambini che frequenteranno il III anno (c.d. “grandoni”) e quelli del II anno (c.d. “mezzani”), oltre aver patito la pandemia e tutte le conseguenze, devono subire anche decisioni scellerate che li porteranno a ricevere meno servizi e minore possibilità di esprimersi insieme agli sventurati iscritti del I anno (c.d. “piccoli)?

Esorto ciascuno dei destinatari a confrontarsi ed a voler assumere decisioni che arrechino benefici ai cittadini con la consapevolezza che i bambini sono il nostro futuro e che, su di essi, non bisogna risparmiare stipendi, ma investire in qualità.

Con fiducia, porgo distinti saluti.

Virginio Messina

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter