Idee & Consigli

Stanco del mal di schiena che ti condiziona la vita? Ecco a chi puoi rivolgerti a Lecco

Stanco del mal di schiena che ti condiziona la vita? Ecco a chi puoi rivolgerti a Lecco
Idee & Consigli 04 Ottobre 2021 ore 07:24

Se soffri di mal di schiena, probabilmente il fatto di sapere di essere in “buona compagnia” è una magra consolazione: si tratta infatti un problema che affligge – in misura diversa sei italiani su dieci.

Anche se è un sintomo molto diffuso, spesso è oggetto di diagnosi sbagliate e non viene curato in modo efficace.

Che fare? Il primo passo è non sottovalutare il problema. Spesso gli episodi di mal di schiena vengono trascurati e si ripresentano a distanza di mesi o di anni in forma più acuta.

La colonna vertebrale è l’asse portante del nostro scheletro, uno straordinario sistema composto da 33 vertebre e quattro “curve naturali” (lordosi cervicale, cifosi dorsale, lordosi lombare, cifosi sacrale). Un “gioiello” prezioso che va considerato e mantenuto con la dovuta cura: se qualcosa si inceppa, la nostra qualità della vita può risultare compromessa!

Colpo della strega, artrosi, appoggio del piede? Ecco come individuare la causa

Contratture muscolari in seguito a traumi, movimenti bruschi o sforzi (il cosiddetto “colpo della strega?)? Obesità e sedentarietà, debolezza muscolare? Un’artrosi o una discopatia? Le causa della lombalgia possono essere le più diverse. In non poche situazioni stanno nei piedi, ovvero un appoggio plantare scorretto. Con lo smart working poi i casi di chi è alle prese con un fastidioso mal di schiena, magari soltanto perché ha scelto la “sedia sbagliata”, si stanno moltiplicando...

La lombosciatalgia, il dolore localizzato a livello del rachide lombare (la parte inferiore della schiena) che si può irradiare alla coscia per l’infiammazione del nervo sciatico, è invece spesso causata da un’ernia.

Se invece il dolore si prolunga nell’area anteriore o interna della coscia, lungo il nervo crurale, si parla di lombocruralgia.

Insomma, il “mal di schiena” è un universo complesso, sintomo riconducibile a diverse cause e patologie.

Ecco perché solo l’anamnesi di un bravo ortopedico -accompagnata se necessario da un test clinico o strumentale (radiografia, tac...) può consentire di accertare la causa e scegliere il percorso da intraprendere. Una strada diversa da paziente a paziente, che può prevedere la combinazione del ricorso di miorilassanti e antinfiammatori, della ginnastica posturale e degli esercizi di stretching con l’utilizzo di un busto o corsetto lombo-sacrale ortopedico e di ortesi plantari.

3 foto Sfoglia la gallery

Scegli l'ortopedia giusta a Lecco: in città la soluzione che fa per te

Ricorda però che l’anamnesi è il primo passo, necessario ma non sufficiente: anche la scelta dell’ortopedia a cui rivolgersi è decisiva. Il tecnico ortopedico è la figura può guidare nell’individuazione del percorso migliore per te, consigliandoti i plantari o il busto idonei a rispondere al tuo problema.

Un punto di riferimento sicuro in questo settore a Lecco è rappresentato da Ortopedia Castagna, in via Ghislanzoni, 18/B (Tel. 0341.362671). Una realtà storica ma sempre all’avanguardia, nella ricerca delle innovazioni delle tecniche e dei materiali. L’analisi computerizzata del piede si combina con l’elevata manualità e artigianalità, mentre i test comparativi relativi a una vasta gamma di prodotti consentono di individuare di volta in volta le migliori soluzioni proposte dal mercato.