Idee & Consigli
la situazione

Studio Vanoncini: "Infortuni sul lavoro, per contrastarli serve formazione"

I dati Inail parlano chiaro: episodi in crescita nel 2022, confrontati con 2021, 2020 e 2019

Studio Vanoncini: "Infortuni sul lavoro, per contrastarli serve formazione"
Idee & Consigli 19 Dicembre 2022 ore 07:30

La cronaca purtroppo racconta quotidianamente di infortuni sul lavoro: ciò vale per tutto il territorio nazionale e di conseguenza anche per l’area lecchese. In particolare le notizie si concentrano giocoforza sugli eventi maggiormente drammatici, ma si tratta soltanto della punta dell’iceberg: si verificano infatti tantissimi episodi «minori», che hanno comunque conseguenze e provocano disagi e difficoltà a chi li subisce, alle loro famiglie e agli altri lavoratori. Qui serve fare un distinguo: spesso si tende e credere che tali incidenti contraddistinguano fortemente il settore dell’edilizia, quando in realtà interessano tutta la sfera lavorativa.

Infortuni sul lavoro, i dati Inail

A supporto di tale tesi ci sono ovviamente i dati riguardanti le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Inail. Alla fine di ottobre sono state 595.569, in aumento del 32,9% rispetto alle 448.110 dei primi dieci mesi del 2021. Dati in crescita dunque, resi ancora più evidenti se confrontati con lo stesso periodo del 2020: +41,3% rispetto alle 421.497 del periodo gennaio-ottobre 2020. Tutti sappiamo che 2020 e 2021 sono stati anni caratterizzati dalla pandemia, perciò è interessante andare a confrontare il 2022 anche con il 2019: in ogni caso si registra un +11,5% rispetto alle 534.314 del periodo gennaio-ottobre di quell’anno.

I perché di questa situazione

Preso atto della situazione è utile arrivare a comprendere il perché di questo fenomeno, che si presenta tristemente in ascesa. Naturalmente non esiste una risposta univoca: da una parte si trovano infatti i tempi sempre più stretti dedicati alla produzione. Al giorno d’oggi è richiesto mantenere ritmi spesso poco sostenibili, mettendo a rischio attenzione e concentrazione. Dall’altra il tema della sicurezza gioca un ruolo chiave, troppo frequentemente sottovalutato o lasciato nell’ombra. Questo aspetto soffre di alcuni pregiudizi: ruba ore di lavoro alla produzione, è un obbligo che riduce le possibilità di un’azienda, sottraendo fondi che potrebbero essere utilizzati per investire su strutture e attrezzature. E non solo: può accadere che gli stessi lavoratori vedano l’impegno speso per la propria crescita e la formazione come un processo di cui farebbero volentieri a meno, risultando quindi meno formati, addestrati e preparati.

Sicurezza sul lavoro e formazione

Quelli discussi finora rappresentano argomenti particolarmente cari all’ingegner Matteo Vanoncini dello studio IngMV di Brivio, impegnato da quasi quindici anni nelle tematiche relative alla sicurezza sul lavoro e alla formazione. «Ben conosciamo la situazione, dato che ci occupiamo di consulenza alle aziende in materie di sicurezza, finalizzata al miglioramento dell’attività e del personale - ha spiegato - inoltre eroghiamo corsi di formazione generali, ma anche specifici per lavoratori, preposti e dirigenti, oltre che corsi macchine e attrezzature, di primo soccorso e antincendio. Svolgiamo il ruolo di RSPP esterno, forniamo la gestione della sicurezza nei cantieri, CSP e CSE, oltre che la predisposizione e l’assistenza alla predisposizione della documentazione inerente alla sicurezza».

Al centro c’è la persona

In un’ottica di accrescimento della sicurezza sul lavoro al centro c’è dunque la persona: «Penso ai lavoratori, così come a preposti, dirigenti e datori di lavoro - ha concluso Vanoncini - tutti ne hanno bisogno, sia per utilizzare correttamente una macchina o un’attrezzatura che per comprendere dove indirizzare gli investimenti all’interno di un piano di miglioramento complessivo. Soltanto così potremo cambiare l’attualità, puntando ad una decrescita degli infortuni sul lavoro».

Seguici sui nostri canali