Sponsorizzato

32 milioni di euro di investimenti nel 2021

Lario Reti Holding, che gestisce il servizio idrico integrato in provincia di Lecco, quest’anno investirà 95 euro per ogni abitante del territorio

32 milioni di euro di investimenti nel 2021
Idee & Consigli 10 Maggio 2021 ore 16:25

Innovazione, sostenibilità, attenzione e vicinanza al cittadino; 60 milioni di euro di investimenti tra il 2021 e il 2023, che si sommano ai quasi 100 milioni investiti tra il 2016 e il 2020, a fronte di una tariffa invariata dal 2015. Questo impegno ha portato l’azienda ad investire 85€ per abitante servito nel 2020, cioè oltre 260€ per utenza, a fronte di una bolletta media di 298€.

Sono queste le direttrici strategiche di Lario Reti Holding, divenuta gestore unico provinciale nel 2016 a fronte della necessità, vista dagli Enti locali (Comuni e Provincia di Lecco), di superare la frammentazione di una gestione passata per affrontare in maniera integrata, innovativa e sostenibile le sfide che stavano caratterizzando il periodo ed il servizio idrico. Tra queste ricordiamo: presenza di fognature miste in gran parte del territorio provinciale; alto tasso di perdite idriche reali ed apparenti; procedure di infrazione europea pendenti (sui territori di Airuno, Brivio, Calco, Calolziocorte, Carenno e Torre de’ Busi) e rischio di nuove sanzioni (ad esempio per i depuratori di Lecco e Premana, nonché per la fognatura di Oliveto Lario); avvio di una forte attività regolatoria da parte di ARERA, l’Ente di regolamentazione nazionale del settore idrico; frammentazione e forte inadeguatezza degli impianti di depurazione, nonché presenza di alcune zone con scarichi fognari non collettati o depurati.

La previsione di investimento del 2021 di Lario Reti Holding

"Ottenuto l’affidamento del servizio, abbiamo subito affrontato le sfide necessarie a ricoprire in maniera ottimale il nuovo incarico – spiega Lelio Cavallier, Presidente di Lario Reti Holding – ci siamo occupati quindi di: potenziare le strutture per la gestione degli investimenti, ampliare le modalità di accesso al servizio clienti, catalogare le problematiche presenti sul territorio e definire le priorità di intervento. Queste linee di sviluppo ci hanno portati, negli ultimi quattro anni, a migliorare o mantenere i risultati secondo tutti i parametri identificati dall’ARERA: perdite idriche, qualità dell’acqua erogata, adeguatezza del sistema fognario, smaltimento dei fanghi da depurazione e qualità dell’acqua depurata" .

Lario Reti Holding ha investito anche sulla propria struttura, dotandosi di strumenti e tecnologie all’avanguardia, come il potenziamento del Laboratorio, arrivato ad analizzare più di 50.000 parametri su circa 5.000 campioni ogni anno, e come l’ampliamento di Webgis, un sistema che mappa in tempo reale le strutture del servizio idrico integrato, facilitando così la conoscenza del territorio e il dialogo fruttuoso tra comuni soci e professionisti. Inoltre, l’azienda ha avviato un processo di automatizzazione crescente dei sistemi di telecontrollo degli impianti, con l’obiettivo di monitorare la situazione generale così da intervenire tempestivamente.

Anche il rapporto con cittadini e clienti è stato oggetto di interventi di potenziamento. Dopo aver implementato il sito web www.larioreti.it, grazie a cui ogni pratica è ora avviabile da casa, è stato lanciato anche il servizio di bolletta online, gratuito e attivabile all’indirizzo bollettaonline.larioreti.it.

È stato inoltre sviluppato Avvisami (avvisami.larioreti.it), un innovativo sistema di messaggistica che, gratuitamente e tramite un sms, comunica agli utenti l’eventuale interruzione dell’acqua prevenendo qualsiasi forma di disagio.

Lelio Cavallier, presidente di Lario Reti Holding

"In questi primi mesi del 2021 abbiamo aperto due nuovi sportelli, a Colico e Casatenovo, che si sommano ai 5 già esistenti. Entro fine anno avvieremo inoltre la sperimentazione di totem multimediali in alcuni municipi della Provincia, tramite i quali sarà possibile effettuare videochiamate con gli operatori e scansionare i documenti utili – conclude Cavallier – Le attività in campo sono numerose perché il fabbisogno del nostro territorio è elevato, sia a livello infrastrutturale che di vicinanza al cittadino, e la nostra missione è rispondere a questo fabbisogno".