Treni nel caos: Straniero (Pd) attacca la Regione

“Sorte deve metterci la faccia, non può assentarsi durante la discussione di un tema così importante"

Treni nel caos: Straniero (Pd) attacca la Regione
20 Settembre 2017 ore 11:11

Treni nel caos: Straniero (Pd) attacca la Regione

“L’assessore Sorte deve metterci la faccia, non può assentarsi durante la discussione di un tema così importante come il mancato potenziamento dei servizi ferroviari e le ripercussioni sui pendolari lombardi”. Queste le parole del consigliere del PD Raffaele Straniero, dopo la discussione in aula consiliare della mozione sulla mancata attivazione, a partire dal 10 settembre, di molti dei servizi ferroviari stabiliti durante i tavoli territoriali dello scorso maggio, in particolare sulle linee Lecco-Carnate-Milano e Milano-Tirano.

La mozione

La mozione, che non è passata per un soffio (27 i favorevoli e 27 i contrari), impegnava la Giunta a spiegare i motivi dell’accaduto e soprattutto della mancata informazione ai pendolari, a convocare in via straordinaria i Tavoli dei Quadranti e ad attivare i servizi concordati, dando inoltre mandato alla commissione Trasporti di organizzare un programma di audizioni con l’assessore e tutti i soggetti coinvolti.

Sonora bocciatura

“Il voto dell’aula rappresenta comunque una bocciatura politica per la Giunta su questo tema, mettendo in evidenza quanto meno un imbarazzo della maggioranza” sottolinea Straniero che incalza: “ E’ inaccettabile, a livello di metodo, il fatto di non aver dato attuazione ad impegni presi nei tavoli territoriali e l’assessore ai Trasporti non può continuare ad allinearsi a ciò che decide Trenord. E’ la Regione Lombardia che deve dare le direttive a Trenord e non viceversa!”

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia