Elezioni Lecco 2020

(Re)intitolate a tre donne tre vie di Lecco

Flash mob dei Bagai di AmbientalMente: azione simbolica per sottolineare l’importanza della parità di genere

(Re)intitolate a tre donne tre vie di Lecco
Politica Lecco e dintorni, 12 Settembre 2020 ore 09:05

I Bagai (giovani) di AmbientalMente hanno simbolicamente cambiato i nomi di tre vie della città. Via al Roccolo, via Bersaglio e Lungo Lago Cadorna sono state reintitolate a tre grandi donne della storia italiana. “Un’iniziativa volta a sottolineare l’importanza della parità di genere e del fondamentale ruolo delle donne, purtroppo spesso sottovalutato se non dimenticato anche a Lecco” fa sapere la lista civica schierata alle elezioni a sostegno del candidato sindaco Mauro Gattinoni.

Tre vie per sottolineare una discrepanza

“Contando le vie della nostra città infatti (la fonte è il libro “Lecco, il significato delle vie dalla A alla Z”) abbiamo riscontrato che ben 233 vie sono dedicate a uomini(di cui 18 personaggi dei Promessi Sposi) mentre sono solamente 11 quelle intitolate a figure femminili (di cui 6 personaggi dei Promessi Sposi)” spiegano i Bagai. “Se da una parte la distribuzione dei toponimi può essere un problema di relativa importanza rispetto ad azioni più concrete – aggiungono i giovani di AmbientalMente – pensiamo che sottolineare questa discrepanza possa aiutare a comprendere un problema reale della nostra società che affonda le radici in una cultura dove spesso l’uomo è portato ad esempio e la donna deve saper “stare un passo indietro”.

Un sondaggio per i nuovi nomi

Lanciato un sondaggio, al quale hanno partecipato più di 220 persone. I cittadini sono stati chiamati a scegliere tre donne in una lista di dieci importanti figure femminili. Questi i risultati:
3a classificata – Nilde Iotti, Presidente della Camera (1920-1999)
2a classificata – Francesca (Vera) Ciceri, antifascista e partigiana lecchese (1904-1988)
1a classificata – Lea Garofalo, vittima di mafia (1974-2009)

Flash mob dei Bagai

Con un flash mob i giovani di AmbientalMente hanno affiancato ai cartelli originali della toponomastica, quelli dedicati a Lea Garofalo, Vera Ciceri e Nilde Iotti. Un modo per sottolineare il valore dato al concetto di sostenibilità sociale, tradotto in questo frangente nella parità di genere.
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli