Politica

Ponti a rischio: Confcommercio Lecco plaude alla cabina di regia regionale

Confcommercio Lecco: "Si tratta di un primo passo importante per provare a dare una risposta in particolare alle imprese penalizzate da chiusure e ritardi".

Ponti a rischio: Confcommercio Lecco plaude alla cabina di regia regionale
Politica Lecco e dintorni, 25 Ottobre 2018 ore 18:37

Il Consiglio della Regione Lombardia, nella seduta di martedì 23 ottobre, ha approvato una risoluzione che invita la Giunta Regionale ad istituire una “cabina di regia e coordinamento” per procedere con l’attività di monitoraggio delle infrastrutture civili, sistemi viari e ferroviari (ponti, viadotti, cavalcavia e gallerie) presenti sul territorio lombardo, coinvolgendo tutti i soggetti interessati (Anas, concessionari autostradali, Province, Comuni...). Una notizia, quella del monitoraggio dei ponti a rischio, accolta favorevolmente da Confcommercio Lecco.

Ponti a rischio

"Si tratta di un primo passo importante per provare a dare una risposta in particolare alle imprese penalizzate da chiusure e ritardi - spiega il presidente di Confcommercio Lecco, Antonio Peccati - Come segnalato a Confcommercio Lombardia, che poi si è fatta portavoce delle nostre istanze, sono quattro le infrastrutture per noi particolarmente critiche: oltre ovviamente al Ponte di Paderno, recentemente chiuso per interventi urgenti di manutenzione straordinaria, e al Ponte di Annone, crollato nel 2016 e non ancora ripristinato, ci sono da considerare le limitazioni alla circolazione dei mezzi pesanti sul Ponte di Brivio e la chiusura al traffico veicolare del Ponte di Isella a Civate".

Il ruolo della cabina di regia

La cabina avrà sostanzialmente quattro compiti:

  • rendere strutturali le procedure di censimento e monitoraggio dello stato dei manufatti già avviate dagli enti locali (leggi qui tutti i ponti lecchesi segnalati);
  •  completare l’archivio delle strade entro il 31 dicembre 2019, individuando gli interventi prioritari;
  • elaborare un piano finanziario per gli interventi prioritari, la manutenzione e gestione dei manufatti, anche attivandosi presso il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti al fine di garantire le risorse necessarie;
  •  definire con gli enti proprietari o concessionari procedure omogenee per l’impiego di tecnologie innovative per il monitoraggio dello stato delle opere e garantire la sicurezza e la stabilità delle infrastrutture (sistemi di monitoraggio digitali, sensori, telecamere....).

Il sostegno alle imprese

La Giunta regionale ha approvato, come primo segnale di sostegno alle imprese danneggiate dalla chiusura dei ponti, una delibera che stanzia 122.000 euro per le Mpmi (micro, medie e piccole imprese) del comparto commerciale e artigiano situate nei comuni di Paderno d’Adda (Lecco) e Calusco d’Adda (Bergamo) che stanno subendo disagi a causa della chiusura del ponte San Michele sul fiume Adda e per quelle situate nel Comune di Montirone (Brescia) disagiate dalla chiusura del ponte sulla strada provinciale SP24. Nello specifico, i tre Comuni applicheranno uno sgravio/rimborso sulla TARI di competenza 2018 non richiedendone il pagamento (se non ancora effettuato) o rimborsando ciò che è già stato pagato, in relazione alla data di chiusura dei rispettivi ponti.

Peccati, Confcommercio Lecco

"E' un segnale importante verso imprese colpite da disagi enormi: come ci hanno confermato anche le imprese associate che abbiamo interpellato i ritardi nelle consegne e le proteste dei clienti-fornitori sono all'ordine del giorno. Certo, i cali di fatturato finora sono stati contenuti: ma la situazione non può che peggiorare", prosegue il presidente Peccati.