L'intervento

“Perche’ la proposta di realizzare il forno crematorio a Dervio è insostenibile”

Documento redatto da quattro professionisti derviesi contro i forni crematori a Dervio.

“Perche’ la proposta di realizzare il forno crematorio a Dervio è insostenibile”
Politica Lago, 04 Gennaio 2021 ore 15:34

Riceviamo e integralmente pubblichiamo il documento, intitolato “Perche’ la proposta di realizzare il forno crematorio a Dervio è insostenibile”  redatto da quattro professionisti derviesi contro i forni crematori a Dervio.

“Perche’ la proposta di realizzare il forno crematorio a Dervio è insostenibile”

Perche’ la proposta di realizzare il forno crematorio a Dervio è insostenibile? Perchè dall’analisi di delibere e provvedimenti che la stessa Regione Lombardia ha emanato, emerge che:  i criteri guida per localizzare i crematori sul territorio lombardo stabiliti nella delibera  n.X/3770 del 2015 richiedono espressamente di “verificare preventivamente che la costruzione di nuove linee e nuovi impianti  da parte dei Comuni avvenga secondo i criteri della popolazione residente e del numero di linee di impianto già attive ed efficienti nel territorio provinciale, in una visione che assicuri una distribuzione omogenea in regione” ed ancora, nella delibera n.VIII/9052 del 2009, che “la localizzazione di nuovi impianti viene consentita considerando i seguenti elementi: a) la distanza da impianti esistenti tale da salvaguardare i criteri di efficienza; b) la viabilità e le relative aree critiche; c) le distanze ed i tempi di percorrenza adeguati rispetto ai possibili fruitori” (ovvero ciò che Regione Lombardia definisce CRITERIO QUANTITATIVO LOCALIZZATIVO, considerandolo il PRIMO CRITERIO DI VERIFICA).

L’immagine qui di seguito mostra in modo semplice e diretto che la proposta di realizzazione a Dervio non trova alcuna giustificazione alla luce dei suddetti criteri stabiliti dalla Regione.

 

 

 

 

I tre cerchi rossi con raggio di 30 km rappresentano infatti i bacini “primari” di popolazione residente relativa ai crematori di Albosaggia (Sondrio), Como e Bergamo. E’ evidente come Dervio si trovi ad essere posizionata nell’area più direttamente destinata a garantire efficienza al crematorio di Albosaggia, il cui bacino (con un avanzo di 1482 cremazioni annue), non soddisfa tale criterio.

PERCHE’, (a conferma di quanto appena affermato), nella delibera n.XI/3322 del 2020 e, precisamente, nelle “Considerazioni conclusive” dell’allegato A, che la stessa Regione Lombardia considera un documento di Pianificazione territoriale, si dichiara testualmente (in riferimento all’esigenza di nuovi impianti crematori): “c’è bisogno per Monza e Brianza, che avrebbe circa 3000 cremazioni per anno, e non per Lecco, che avrebbe poco più di 1000 cremazioni per anno.”

Infine PERCHE’ nella delibera n. VIII/4642 del 2007, in vigore fino al 2015, si stabiliva al punto d)5 che “La realizzazione di un nuovo impianto di cremazione non è ammessa in ambito urbano in prossimità (distanza minima 500mt) di elementi sensibili (asili, scuole, ospedali, RSA, ecc) e/o ad elevata pressione antropica”. Tale principio non va confuso con la previsione della cosiddetta fascia cimiteriale di 50mt, che non ha nulla a che vedere col tema specifico degli impianti di forni crematori.
Nella successiva delibera n. X/3770 del 2015, tutt’ora vigente, è confermato il riferimento alla distanza minima; infatti, è ribadito che: “non è ammessa la realizzazione di impianti in prossimità di elementi sensibili”.
Come noto a tutti, a Dervio, entro il raggio di 500 mt dal cimitero sono compresi le scuole medie, la scuola materna, le scuole elementari, l’asilo nido “Il bosco dei 100 acri”, l’oratorio, il cinema, il centro anziani, il parco giochi, le Officine Galperti, oltre a numerosi edifici di civile abitazione ad alta densità abitativa. E’ del tutto evidente che l’ipotizzata localizzazione di tale impianto nell’ambito del cimitero di Dervio, che è posto all’interno del contesto urbano, è in palese contrasto con i principi affermati da Regione Lombardia a tutela della salute.

LEGGI ANCHE Palestra, nido comunale, casa delle associazioni: “rivoluzione ” in paese

I documenti citati sono pubblici e liberamente accessibili a tutti i cittadini.
A fronte di quanto sopra rimane del tutto incomprensibile capire secondo quali criteri l’Amministrazione Comunale abbia ritenuto necessario presentare una Manifestazione di interesse per la realizzazione di un nuovo impianto di cremazioni nel nostro Comune.

Luigi Giordano
Francesco Marzari
Davide Mevi
Roberto Stucchi

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità