L’Onorevole Fragomeli in campo per la carta di identità elettronica

"Al via l’esame della mia proposta di legge per una carta utile che garantisca anche più sicurezza"

L’Onorevole Fragomeli in campo per la carta di identità elettronica
20 Ottobre 2017 ore 12:35

«Una carta di identità elettronica utile, che permetta di accedere a più servizi e che garantisca ai cittadini maggiore sicurezza in ambito bancario e finanziario. Questi i principi della mia nuova proposta di legge la cui discussione ha finalmente preso il via ieri in Commissione Finanze alla Camera». Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese del Partito Democratico, sintetizza così il contenuto  del suo ultimo progetto di legge, ripresentato lo scorso settembre e il cui iter parlamentare ha ufficialmente avuto inizio poco più di ventiquattro ore fa.

Arriva la carta di identità elettronica

“Dopo che se ne è parlato per vent’anni entro la metà dell’anno prossimo, l’obbligatorietà della nuova carta di identità di tipo elettronico sarà estesa a tutto il territorio nazionale” aggiunge il deputato. “Peccato solo che, ad oggi – e rispetto all’attuale cartaceo – il nuovo documento digitale non consentirà al cittadino di usufruire di alcun servizio aggiuntivo. Da ex sindaco ritengo che, quando ai cittadini viene richiesta una maggiore spesa – la nuova carta costerà 16,79 euro più i diritti di segreteria invece dei 5,42 euro attuali – la Pubblica Amministrazione debba necessariamente corrispondere anche maggiori servizi. Da qui l’idea di integrare nuove funzionalità digitali di riconoscimento all’interno di questo innovativo strumento”.

I vantaggi

“Per fare alcuni esempi: all’apertura di un conto corrente, in caso di trasferimento di denaro o, più generalmente, in caso di operazioni finanziarie, sarà possibile utilizzare la nuova carta di identità per ottenere l’accertamento dell’identità fisica e digitale – anche per le operazioni online –  del titolare del documento, attraverso la lettura dei dati personali e biometrici memorizzati all’interno del microchip della carta. Un processo di riconoscimento più semplice ed efficace per una gestione più sicura dei propri risparmi ed investimenti. Il nuovo documento elettronico, così configurato, rappresenterà inoltre un efficace mezzo di contrasto alle frodi digitali connesse con i processi di identificazione e con quelle legate al furto dell’identità personale”.

Meno burocrazia

“Sono convinto che  in futuro, con la diffusione della carta di identità elettronica, oltre ad un sistema digitale di erogazione di servizi utile a ridurre i tempi della burocrazia sia per i cittadini che per le imprese, avremo anche un potente strumento d’identificazione da mettere a disposizione delle Forze dell’Ordine per garantire ancora maggiore sicurezza nelle nostre città”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia